Raffaele Guariniello tra pochi giorni andrà in pensione ma il suo pool continuerà a lavorare. Lo ha deciso il capo della procura di Torino, Armando Spataro, che ha istituito un bando per coordinare il pool del magistrato torinese, le cui competenze comprendono la sicurezza sul lavoro e la tutela del consumatore. Il concorso è interno ed è rivolto ai magistrati dell’ufficio di Guariniello.

Il magistrato ha deciso di andare in pensione rinunciando al ricorso contro il provvedimento del governo che ha riportato a 70 anni l’eta massima di permanenza in servizio. Guariniello in ogni caso a marzo compirà 75 anni, il vecchio limite per il pensionamento, e quindi il termine del suo lavoro è anticipato solo di tre mesi. Lascia dopo quasi cinquant’anni di carriera, prima come pretore e poi come procuratore. In quei ruoli ha svolto inchieste importanti sulla sicurezza dei lavoratori, dei malati e dei consumatori: quella sulle schedature dei dipendenti Fiat, quella sul rogo della ThyssenKrupp o sulle malattie provocate dall’Eternit; e ancora quelle sul doping nel ciclismo e nella Juventus e quella più recente sul caso “Stamina“. L’obiettivo di Spataro va proprio nella direzione di non disperdere il lavoro portato avanti in questi anni da Guariniello.

“Mi dimetto perché la magistratura è in difficoltà – aveva dichiarato dopo la decisione di dare le dimissioni – Una difficoltà provocata dalle carenze del personale e dalle lentezze. C’è un certo senso di disaffezione ed è difficile portare avanti i processi, vanno piano e poi subentra la prescrizione. Il mondo della magistratura mi ha dato moltissimo – ha poi aggiunto mi ha permesso di lavorare molto e liberamente, e mi ha anche illuso un po’: ho cercato di fare il bene delle persone più deboli. Abbiamo avuto un’epoca davvero felice. Abbiamo avuto decenni di grandi attività, ma ora non c’è più entusiasmo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regione Calabria, ex dirigente condannata a due anni per corruzione

prev
Articolo Successivo

Abu Omar, Mattarella grazia due agenti Cia. E rispetta il patto Napolitano-Obama

next