Noi per principio non votiamo mozioni individuali, ci asterremo o usciremo dall’Aula. Dobbiamo discuterne con i nostri capigruppo: è riduttiva e ci sono infinite motivazioni per sfiduciare il governo”. Così Silvio Berlusconi alla presentazione del libro di Bruno Vespa al Tempio di Adriano a Roma commenta la mozione di sfiducia contro il ministro Maria Elena Boschi. “Renzi – ha spiegato Berlusconi – accentra ogni posto di potere a sé e non lascia spazio alle opposizione. Il nostro governo gestiva queste cose differentemente, è il dominus assoluto. Oggi siamo in uno Stato non democratico”. “Io esperto di conflitti d’interessi?”, risponde Berlusconi a una domande del giornalista Antonio Polito. “Mi hanno perseguitato per anni ma – sottolinea – dimmi quando una delle mie trasmissioni ha mai attaccato la sinistra o altro”. “Quanto tempo ho?”, replica ironico il giornalista. Poi sulla Consulta e l’accordo con il M5s per eleggere gli ultimi giudici Berlusconi sostiene: “E’ molto grave che la Corte costituzionale non abbia un giudice espressione di centrodestra, una tra le tre componenti parlamentari più importanti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consulta, accordo M5S-Pd: Toninelli: “Accuse di FI e SI? Fatte da ubriachi”

prev
Articolo Successivo

Isis, Pinotti: “Soldati italiani in Iraq non combatteranno”. Esperti: “Falso, diga di Mosul bersaglio di attacchi dei jihadisti”

next