“Se vado in Valle d’Aosta e metto un piede sul confine italiano e l’altro su quello francese, la metà italiana non è sposata, invece l’altra è sposata, riconosciuta. Il pezzo che sta in Francia ha diritti che l’altro non ha”. Così Antonio Fabrizio descrive la situazione che sta vivendo assieme al suo compagno Stefano Bucaioni (vicepresiente di Arcigay nazionale). I due si sono sposati nel 2014 a Londra e, tornati a vivere a Perugia, hanno provato ad ottenere, invano, il riconoscimento della loro unione. A nulla è servito incontrare il sindaco Andrea Romizi, che aveva promesso di aiutarli a risolvere la situazione. Il primo cittadino, ha poi inviato ai due giovani una lettera privata per esprimere la sua vicinanza. Nonostante il rifiuto, Antonio e Stefano non si danno per vinti: “Continueremo a combattere per il riconoscimento del nostro matrimonio”. La coppia, attivista da anni in ambito locale, oggi è impegnata in una battaglia personale che mira a vedere riconosciuti i diritti di tutte le coppie gay  di Alessia Marzi e Manlio Grossi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La violenza di genere: se due mamme litigano a morte

next
Articolo Successivo

Adozioni gay: Isabella ha due mamme (ma zero diritti)

next