parcheggio disabili_interna

Gentilissimo ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio,

sono il dott. Luca Faccio da Bassano del Grappa. Le scrivo per chiederle di verificare, in collaborazione con l’Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani)  se tutti i Comuni Italiani si sono adeguati a rilasciare il Contrassegno Europeo per i disabili e se anche la segnaletica stradale è stata correttamente adeguata.

La invito a verificare anche che non vengano fatte contravvenzioni al titolare del contrassegno se gli organi preposti non hanno informato correttamente i cittadini; tale procedura era prevista entro il 15 settembre 2015, adeguandosi finalmente alla Raccomandazione della C.E. del 1998.

Se un cittadino riceve la contravvenzione perché in possesso del contrassegno per disabili (arancione) ancora valido, chi la deve pagare se il titolare del permesso non è a conoscenza del nuovo permesso europeo?

Cortesemente può far elaborare un “Comunicato stampa” che ricordi tale scadenza da pubblicare su mit.gov.it , visto che l’ultimo comunicato in materia risale 24 settembre 2012.

In attesa di una sua risposta scritta che pubblicherò su questo blog, la ringrazio anticipatamente.

Dott. Luca Faccio

Se nei vostri comuni riscontate difficoltà o disagi in merito al contrassegno per disabili scrivete a: raccontalatuastoria@lucafaccio.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Privacy, azzerata per i viaggiatori europei in nome dell’anti-terrorismo

next
Articolo Successivo

Houston abbiamo un problema, la privacy non ci interessa più

next