Dopo che abbiamo pubblicato i filmati della procura di Brescia su quello che succedeva nel macello degli orrori di Ghedi, centinaia di migliaia di voi hanno guardato le immagini e hanno condiviso la propria indignazione.

Il caso Italcarni è stato oggetto di interrogazioni e interventi in aula da parte di parlamentari, i cittadini di Ghedi sono scesi in piazza contro le frasi infelici del sindaco, cognato del proprietario del macello, che cercava di sminuire le torture che venivano inflitte agli animali, e domenica l’inchiesta lanciata da Servizio Pubblico e Fatto Quotidiano è finita su Rai Uno a L’Arena di Giletti.

Ora che il macello Italcarni è diventato un caso nazionale, è tempo di ottenere risposte a domande che riguardano tutti noi: si tratta di un caso isolato? Quali sono i trattamenti inflitti agli animali prima che vengano macellati? E qual è lo stato della salubrità della carne?

Ho chiesto una mano a Change.org per farci sentire da colei che potrebbe fare chiarezza aprendo una commissione d’inchiesta sui macelli italiani, la ministra Beatrice Lorenzin. Leggi la petizione cliccando qui e firma anche tu se vuoi dire basta ai macelli dell’orrore!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Asti, lo Stato pronto a ‘patteggiare’ per due detenuti torturati

next
Articolo Successivo

Pedofilia: toh, Daniele Bosio era innocente

next