“I 500 euro vanno in  cultura, che per me è formazione dell’anima, è un incentivo ai diciottenni per rendersi conto di qual’è il loro ruolo nel mondo“. Matteo Renzi, ospite alla presentazione del libro di Bruno Vespa a Roma, sottolinea che il bonus intende dare ai futuri 550mila diciottenni “un messaggio educativo e pedagogico“. E a quanti pensassero a una cinica mossa elettorale, il premier manda a dire: “Se qualcuno pensa che il bonus di 500 euro sia una mancia elettorale non lo spenda e i soldi resteranno allo Stato italiano“, aggiunge poi. E a Bruno Vespa che gli chiede come in concreto si farà ad evitare che “i diciottenni si spendano i 500 euro di bonus in flipper“, Renzi ha replica: “Vespa mi e’ cascato sul flipper. Il tema del flipper resterà nella storia. Il diciottenne col flipper…”. Per il Presidente del Consiglio: “Mi hanno detto che stiamo buttando via i soldi per comprare il voto dei diciottenni? Non ho mai sentito una frase più volgare di questa”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti Livorno, Nogarin: “Avanti col tribunale”. E rimuove l’assessore. Lavoratori annunciano altro sciopero

next
Articolo Successivo

Salvini: “Farò il re magio al presepe vivente. Travaglio? Si sciacqui la bocca prima di parlare della Fallaci”

next