Una ragazza austriaca, scappata da Vienna per unirsi all’Isis, è stata uccisa dai jihadisti perché scoperta a tentare la fugaSamra Kesinovic, 17 anni era fuggita in Siria nell’aprile del 2014, insieme con l’amica 15enne Sabina Selimovic. Obiettivo di entrambe era quello di entrare nelle fila dello Stato Islamico. Le due ci erano riuscite, diventando le “ragazze immagine” dell’Is: le loro foto, con tanto di kalashnikov e burqua, circondate da uomini armati circolavano assiduamente sui social jihadisti.

Qualcosa però è andato storto: ad ottobre dello scorso anno, come riportato da alcuni media austriaci, degli amici delle due ragazze avrebbero raccontato che Samra e Sabina volevano tornare a casa perché disgustate dalle continue scene di uccisioni e martiri a cui assistevano ogni giorno. Stando ai quotidiani locali, Samra è stata picchiata a morte con un martello dopo essere stata sorpresa a tentare di scappare dalla roccaforte Isis a Raqqua. I giornali locali, tra cui  il Krone Zeitung, citano come fonte una donna tunisina, che avrebbe vissuto a Raqqua con le due ragazze, ma che sarebbe riuscita a rientrare a casa.

I ministeri degli Esteri e degli Interni austriaci si sono rifiutati di confermare la notizia: “Non possiamo fare commenti su casi individuali” ha affermato Thomas Schnoll, portavoce del ministro degli Esteri.

Le due ragazze, figlie di immigrati bosniaci musulmani, avevano annunciato la loro decisione in due lettere identiche, lasciate ai genitori. “Siamo sulla retta via, combatteremo per l’Islam, ci rivedremo in Paradiso” avevano scritto, prima di scomparire su un aereo per la Turchia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato a Tunisi, l’ultimo episodio di un anno di terrore: dal Bardo a Sousse

next
Articolo Successivo

Bruxelles, ministro Esteri belga: “Si ricercano 10 potenziali kamikaze. Sono armati”

next