Due siriani sono stati arrestati all’aeroporto di Orio al Serio. Sui loro cellulari sono state trovate foto di guerra e dell’Isis. I due uomini sono stati fermati all’imbarco di un volo per Malta, per sospetti sui documenti: nonostante parlassero solo arabo infatti, i passaporti che hanno mostrato agli addetti ai controlli erano uno austriaco e l’altro norvegese. La polizia ha verificato subito che non erano di nessuna delle due nazionalità.

Perquisizioni approfondite hanno fatto emergere dai telefonini dei due immagini compromettenti (visionate dalla Polaria): il possessore del passaporto austriaco, un ragazzo di 19 anni, aveva sul cellulare foto di guerra e immagini riconducibili all’Isis, mentre l’altro, un uomo di 30 anni, era in possesso di foto di guerra e di bombardamenti. Tra le altre immagini anche una che, secondo gli agenti, ritrae il trentenne molto più giovane mentre regge un mitragliatore. Gli arresti risalgono a mercoledì pomeriggio e ancora non è chiaro se i due stessero transitando all’aeroporto di Bergamo o provenissero da fuori.

Agli investigatori i due hanno dichiarato di essere partiti dalla Siria quattro mesi fa e di avere transitato in Turchia, Austria e Italia. In Austria avrebbero acquistato il passaporto, poi ritirato in Italia. Sul documento comparivano i nomi dichiarati alle autorità, ma cambiava la nazionalità. Dubbi anche sulla data di nascita. Hanno dichiarato di volere andare a Malta perché lì avevano parenti e lì erano intenzionati a chiedere asilo. Le impronte rilevate dalle autorità non corrispondono a nessuno che in Europa sia stato attenzionato per fatti legati al terrorismo. Intanto proseguono le indagini, specialmente sui tabulati, per capire gli spostamenti dei due, specie in Italia.

In questi giorni, a seguito degli attentati di Parigi, anche nel nostro Paese sono state innalzate le misure di sicurezza. E soltanto oggi nelle metropolitane di Milano e Roma ci sono stati tre falsi allarmi bomba.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terrorismo: servizi segreti o servizi di gabinetto?

prev
Articolo Successivo

Cosenza, la farsa della caccia al tesoro d’Alarico. Il Comune non ha chiesto autorizzazioni. Stop della Soprintendenza

next