Ogni tanto la cerca, passa per caso sotto il suo ufficio o sotto casa, ugualmente per caso capita nei posti che frequenta, sperando di incontrarla. Non gli risponde più al telefono, le ha lasciato messaggi su Facebook e Whatsapp, ma lei non si è più fatta sentire, ormai sono passati molti mesi da quando lo ha lasciato ma per lui è come se fosse appena successo, non è andato molto avanti finora.

La fine di un rapporto sentimentale è sempre un evento traumatico che segna un  momento di cambiamento nella vita. È causa di sofferenza, ma soprattutto di discontinuità nel modo di percepire se stessi. Più la rottura è inaspettata, più la sofferenza è grande e più sono lente l’elaborazione della perdita e la costruzione di scenari futuri senza il partner. A volte possono volerci molti mesi o anche anni.

In linea di massima un distacco è la conseguenza naturale di un rapporto insoddisfacente che se prolungato magari procurerebbe sofferenze maggiori. In alcuni casi però l’impatto emotivo per la perdita dell’altro è così forte, da non consentire elaborazioni nei vissuti che ne conseguono: cadute dell’umore, agitazioni, sentimenti di fallimento, perdite di autostima…

Più il rapporto è stato conflittuale, più il distacco sarà complicato.

Durante la relazione, l’idea che ognuno ha di sé è influenzata dalla presenza dell’altro nella propria vita, la condivisione è un aspetto centrale si condividono amici, interessi, progetti, si costruisce uno spazio comune che definisce l’identità della coppia, come anche la propria identità.

La sofferenza perciò è per aver perso l’altro, ma soprattutto per aver perso una parte di sé.

Ci si può assumere tutta la responsabilità della rottura, criticando se stessi e colpevolizzandosi, oppure reagire al dolore con rabbia, attribuendo tutta la responsabilità all’altro.

La rottura così come la costruzione di un rapporto sentimentale è in genere un percorso condiviso di cui si è responsabili in parti uguali anche se non sempre se ne è consapevoli.

Succede spesso che nelle rotture unilaterali, il partner che subisce sia emotivamente molto lontano dallo scenario di separazione che gli si presenta e per questo motivo i suoi sentimenti e le sue emozioni possono rimanere in sospeso per molto tempo.

Il percorso che si intraprende per superare la sofferenza è molto in relazione alle risorse personali e agli strumenti che la persona sente di avere.

Se ha particolare difficoltà a costruire nessi di causa-effetto e l’impressione di non avere alcun controllo sulle cose che gli accadono, quindi anche sulla separazione, potrebbe cercare soluzioni magiche – magari tentare il recuperare del partner a sua insaputa attraverso rituali miracolosi – che poco hanno a che fare con la complessità dei problemi emotivi, nell’illusione di poter riportare le cose a posto senza troppa sofferenza e impegno.

Soluzioni che acquietano temporaneamente l’animo ma aumentano la sensazione di non controllo sulle vicende della propria vita.

E’ forse più utile, anche se più faticoso e doloroso, ricostruire la storia sentimentale, ricercare i momenti in cui è stata persa la sintonia con l’altro, riconoscere i segnali di crisi che non sono stati colti, riconciliare gli scenari immaginati e desiderati con quelli effettivamente accaduti. #VoltaPagina

Delusioni d’amore? #VoltaPaginaPer saperne di più: http://www.ordinepsicologilazio.it/voltapagina/Condividi :)

Posted by Ordine degli Psicologi del Lazio on Martedì 17 novembre 2015

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentati Parigi: la giornata interminabile dei ‘ragazzi che non amano’

next
Articolo Successivo

Attentati Parigi: giusto o no celebrare il Giubileo? Il perché di un Anno Santo

next