La Rai, con una lettera del Direttore generale, ha ringraziato i suoi giornalisti per la prova appena fornita attraverso edizioni, corrispondenze e riflessioni in occasione delle stragi di Parigi. Anche noi del resto, appena saputo della situazione da un amico costantemente aggiornato grazie a un servizio della Bbc, ci siamo precipitati sulla, anzi sulle Rai. Che erano, contemporaneamente, ben tre: Rai1, Rai3 e il canale 48 All news. Con le stesse immagini e gli stessi interventi dall’inviato locale (Di Bella). E così, mentre in cuor nostro eravamo grati a chi stava lavorando e ci aiutava a metabolizzare lo stordimento per la notizia, per le conseguenze che ne derivavano, per la minaccia alla nostra vita “normale”, non riuscivamo a scacciare il pensiero che con quei Tg trigemini stavamo assistendo a un enorme spreco.

Non ci sono in realtà fondamenti concreti a questa triplicazione. Un tempo, ma dobbiamo risalire a quaranta anni or sono, al tempo di Dc, Pci e Psi, esistevano chiavi di racconto ideologicamente diverse, corrispondenti al ruolo che quei grandi partiti allora svolgevano, sicché c’era il Tg3 curziano, il Tg2 craxiano e il Tg1 democristiano. Certo, era lottizzazione, ma un qualche tipo di concorrenza e di emulazione in effetti si scatenava. Ma oggi, perché dovrebbe? E il Mannoni, per citare un volto ormai storico che ha condotto attraverso varie repubbliche e che tuttora dipende da Berlinguer (Bianca), non potrebbe tranquillamente trovarsi a condurre un qualsiasi altro Tg della Rai senza sembrare affatto fuori posto?

Tanto più eravamo perplessi perché, sempre spinti dall’emozione del momento, andavamo scanalando nei canali più inconsueti e incontravamo i Tg che gli altri (Inghilterra, Francia, Usa, Germania, Russia, Cina, Spagna e chi più ne ha più ne metta) trasmettevano non per il proprio interno, ma per il resto del mondo. Ovviamente tutti in inglese, perché questa è la lingua del globo. E qui la Rai era del tutto assente perché nessuno le ha mai comunicato di spostare le risorse su questo obiettivo. E dunque non ha redazioni specializzate, non ha una rete di corrispondenti analitica, al di là delle principali capitali, e ovviamente, nulla avendo da trasmettere, non ha accordi di trasmissione con le piattaforme terrestri, satellitari o web nelle varie parti del globo. E così accade che nessuno al mondo, davanti a una tragedia bellica e sociale come quella di Parigi sia in grado, anche solo sul suo iPhone, di vedere comparire il nostro punto di vista.

Del resto, se in Rai i giornalisti e i loro collaboratori organizzativi e tecnici, che nell’insieme non sono inferiori a quelle delle altre grandi televisioni, sono impegnati a moltiplicare le emissioni ad uso interno, e inevitabile che nessuno badi a “parlare al mondo“. Certo, riorganizzare e rifinalizzare è molto più difficile che aggiustare, più o meno, quel che esiste (e che resiste). Ma proprio per questo la vita dei riformatori è dura. Altrimenti bastano i soliti custodi del gregge.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Talk show alla ricerca del pubblico: tra paura sicurezza e incazzatura delle masse

next
Articolo Successivo

Attentati Parigi, balzo dei talk show con l’insolito pubblico di giovani e immigrati

next