Giobbe Covatta sarà la nuova voce dei Verdi. Lo hanno deciso i rappresentanti della federazione ecologista, nel corso della XXXIII Assemblea di Chianciano Terme, “per imprimere nella società italiana una forte svolta del messaggio culturale e politico”. L’attore napoletano d’adozione, già testimonial di AMREF e Save the Children, è stato eletto “portavoce nazionale e ambasciatore delle battaglie ecologiste” con il 98% dei voti per “la sua grande umanità, intelligenza del mondo e capacità comunicativa”.

“Giobbe non sarà il classico leader politico, ma una figura per avvicinare il messaggio ecologista e tutte quelle persone alle quali questo messaggio non è arrivato, per far sì che le sfide per l’ambiente, per la salute e per il clima diventino patrimonio di molti” hanno affermato i Verdi. Covatta ha dato la sua disponibilità a sostenere i progetti del movimento, con l’obiettivo di riportare al centro della politica “tematiche che ormai sono state espulse dal dibattito“. Da sempre vicino ai Verdi, Covatta ha  condotto negli ultimi anni numerose battaglie accanto agli ecologisti, come quella del 2010 contro la mega discarica di Terzigno. Nel corso della due giorni di Chianciano, oltre all’elezione del nuovo portavoce, sono stati rinnovati gli organismi dirigenti del movimento ecologista: l’Esecutivo e il Consiglio Federale Nazionale. L’assemblea è iniziata con un minuti di silenzio per le vittime degli attentati di Parigi, definiti dai Verdi “nuove forme di nazismo”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentati Parigi: non siamo preparati, il Giubileo va rinviato

next
Articolo Successivo

Sedriano, il primo comune lombardo sciolto per mafia diventa anche il primo comune a 5 stelle

next