Un’assemblea pubblica davanti alla stazione Roma-Lido di Piramide per discutere delle problematiche principali del trasporto pubblico romano. A promuoverla la ‘Carovana delle Periferie’, una rete sociale-sindacale composta dall’Usb, dal Comitato Pendolari Roma-Lido e da altre associazioni. “Questa è una stazione simbolo del malfunzionamento dei servizi di trasporto romani – spiega Guido Lutrario, federazione romana Usb – e delle aggressioni subite dai macchinisti Atac, visti dagli utenti esasperati come la causa dei continui disservizi, che non avvengono certo per colpa loro. Ci sono più di dieci anni di mancati investimenti nella manutenzione dei mezzi”. Una situazione, quella del servizio pubblico dei trasporti romani, che sembra ormai allo sbando e che alcuni leggono come una strategia mirata per privatizzare. “Il massacro del servizio pubblico – rimarca Giorgio Cremaschi, forum diritti/lavoro – è troppo evidente per non pensare che l’obiettivo finale sia quello di arrivare alla privatizzazione del trasporto romano”. E anche la privatizzazione, proposta da molti come la panacea di tutti i mali, non sembra la soluzione migliore, come racconta un dipendente della Roma Tpl Scarl, consorzio di aziende che gestisce circa il 20% delle linee degli autobus romani: “Le nostre vetture spesso sono costrette a rientrare in deposito per effettuare il rifornimento, interrompendo il servizio. I disservizi sono esattamente gli stessi”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Moira Orfei, morta la regina del circo. Bellissima Ottavia nel celebre ‘Totò e Cleopatra’

next
Articolo Successivo

Roma, uccide la moglie di 23 anni con un colpo di pistola alla testa e si costituisce

next