Corsi di tessitura, lavorazione della creta e pittura per adolescenti con autismo. Obiettivo: “Migliorare la loro autostima”. A organizzarli, a Milano, è l’associazione l’Ortica, ente di promozione sociale e solidarietà nato da un gruppo di famiglie. L’autostima è un aspetto molto importante per chi è affetto da questa sindrome del comportamento, “ed è fondamentale valorizzare la dignità di ciascuno” attraverso la partecipazione alla vita sociale e lavorativa. “Le attività che realizziamo nel nostro laboratorio sono adatte alle esigenze e alle peculiarità soprattutto dei ragazzi con autismo. Offriamo loro competenze artigianali ma anche beneficio a livello terapeutico”, spiega a ilfattoquotidiano.it Fabrizia Rondelli, responsabile dell’associazione con sede in via Oxilia 19 a Milano.

Il ritmo del lavoro e la modalità con cui viene svolto sono caratteristiche che danno beneficio ai sei giovani che da marzo di quest’anno frequentano il laboratorio. “La tessitura a mano migliora le capacità di coordinamento oculo-manuali e accresce l’autostima – spiega Rondelli, madre di un ragazzo autistico ormai ventenne -. Vogliamo fare un appello alle famiglie: fate provare questa esperienza anche ai vostri figli. Abbiamo dimostrato che possiamo avvicinare al mondo del lavoro ragazzi che, altrimenti, sarebbero a rischio emarginazione e con ottimi risultati per il miglioramento dei rapporti con le altre persone”. Proprio l’associazione l’Ortica, in occasione della giornata mondiale dedicata all’autismo, aveva evidenziato a Ilfattoquotidiano.it la solitudine e la difficoltà delle famiglie nel far fronte ai problemi e alle esigenze dei ragazzi.

Il laboratorio dell’Ortica, da due anni in attesa di ricevere dal Comune di Milano una sede operativa più grande e con un canone d’affitto agevolato, è aperto dal lunedì al venerdì. “I prodotti realizzati dai partecipanti ai nostri corsi professionali vengono venduti nei mercati di quartiere e tra la rete di amicizie che abbiamo creato negli anni. Per sostenere le spese per gli educatori professionali, l’affitto e i costi dei materiali di produzione – aggiunge la responsabile del centro – abbiamo però bisogno anche delle donazioni dei cittadini che volessero contribuire allo sviluppo del nostro progetto di inserimento lavorativo e inclusione sociale”. Oltre al laboratorio, l’associazione svolge attività di sensibilizzazione all’interno delle scuole dove ci sono studenti disabili. La responsabile del centro sottolinea inoltre che bisogna “valorizzare i talenti delle persone, andando oltre la disabilità, che sono comunque fonte di arricchimento per la comunità. Se accendi una lanterna per qualcuno, la sua luce illuminerà il suo cammino”.

I ragazzi che attualmente frequentano il laboratorio mostreranno i propri manufatti sabato 12 dicembre dalle ore 10 fino a domenica 13 presso la Casa delle Associazioni in via Marsala 8 a Milano. “In quel week end presenteremo le nostre attività con una mostra fotografica e alcuni video – ha detto – insieme all’Associazione volontaria arcobaleno – Centro salesiano e all’Associazione Piccolo Carro”. In quell’occasione, “abbiamo pensato di dare ai visitatori attraverso l’utilizzo di piccoli telai degli oggetti da regalo come biglietti natalizi, borsellini, segnalibro”.
Per aderire all’evento o semplicemente per avere informazioni sulle attività svolte dall’associazione è possibile scrivere un’email all’indirizzo [email protected]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

’19 Million Project’, guidiamo insieme le rotte dei rifugiati

prev
Articolo Successivo

Carceri minorili, in Italia 11 in cella per omicidio volontario. 449 i detenuti totali

next