Un nuovo partito che raccoglierà i parlamentari di Sinistra e libertà e chi ha deciso di abbandonare il Pd. Con questo scopo sarà battezzata sabato 7 novembre, al teatro Quirino di Roma, Sinistra Italiana, la coalizione che ha come obiettivo dichiarato “presentare un’altra idea di Italia“. L’intenzione è quella di dare vita a una nuova “sinistra plurale, larga, popolare che abbia un riferimento certo per le proprie battaglie in Parlamento e un legame con la realtà sul territorio nazionale“.

Per contrapporsi alla retorica renziana dei gufi hanno scelto di darsi un nome che si declina in positivo: “Siamo quelli della Sinistra italiana, siamo quelli di Sì” ha dichiarato Alfredo D’Attore, neo fuoriuscito dalle file di Renzi, e ha aggiunto: “Saremo più di 30 alla Camera e una decina al Senato”. Altro scopo di “Si”, sarà quello di offrire un punto di riferimento a chi sceglie di lasciare il Pd: “La grande novità politica – fanno sapere dal partito – è che chi usciva dal Pd rimaneva disperso. Da domani parte un grande processo unitario, c’è un riferimento che adesso è parlamentare e poi si strutturerà nei territori e l’anno prossimo ci sarà il processo di costruzione del partito vero e proprio”.

D’Attore, insieme a Sel e a Stefano Fassina, Carlo Galli, Monica Gregori e Vincenzo Folino costituirà la rappresentanza alla Camera. A loro si aggiungerà anche Claudio Fava e si prospettano nuovi arrivi dal Pd. Assente, invece, sarà Pippo Civati, impegnato nella costituzione di una componente con gli ex M5s di Alternativa Libera.

“Da domani lanciamo la sfida al governo Renzi con la consapevolezza che c’è fuori dalle aule parlamentari un’Italia migliore” avverte Nichi Vendola.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Milano, perché essere contrari a Sala

prev
Articolo Successivo

Sinistra Italiana, teatro Quirino pieno: in 500 restano fuori. In Parlamento saranno 41. Stiglitz sarà consulente economico

next