Un lampo di calore in cielo ed elementi che non hanno nulla a che fare con la struttura dell’aereo a terra. Sono questi i due nuovi dettagli che emergono dalle indagini sull’incidente che sabato ha fatto precipitare l’Airbus russo sul Sinai provocando la morte di tutti i 224 passeggeri. Nuovi elementi che non spazzano via, ma anzi rafforzano, l’ipotesi dell’attentato terroristico.

A immortalate un lampo in aria è stato un satellite Usa dotato di telecamere a infrarossi. A riferirlo sono alcuni funzionari del Pentagono alla Cnn. Questo – sostengono – significa che è escluso che l’aereo sia stato abbattuto dal missile, “ma l’opzione su una possibile bomba rimane aperta”. Si stanno analizzando i dati, di sicuro c’è che un fenomeno del genere è compatibile con l’esplosione di un ordigno. Ma anche con lo scoppio di un motore difettoso.

Sul luogo in cui si trovano i resti dell’aereo – rivela una fonte al Cairo alla Tass – sono stati rinvenuti degli “elementi che non hanno a che fare con la struttura del velivolo”. Questi elementi “sono stati inviati a un’esame”. Questo particolare, però, da solo non serve a confermare l’ipotesi terrorismo. Secondo un’altra fonte, infatti – sentita sempre dalla Tass – si potrebbe anche trattare di “materiale trasportato dai passeggeri, per esempio di attrezzature per l’immersione”.

Un’altra fonte fa sapere che “le registrazioni delle conversazioni dell’equipaggio con i controllori del traffico aereo indicano che la situazione a bordo” dell’Airbus russo “era normale quattro minuti prima che il velivolo sparisse dagli schermi dei radar”. Precisando che “nulla indica un qualche malfunzionamento a bordo” e “neanche l’equipaggio ne riferisce”. “Le registrazioni – prosegue la fonte – suggeriscono che una situazione di emergenza si sia verificata a bordo inaspettatamente, prendendo l’equipaggio di sorpresa e i piloti non hanno avuto il tempo di lanciare un segnale di emergenza”. “Nelle registrazioni – ha detto ancora la fonte – suoni non caratteristici di un volo normale precedono il momento della sparizione dagli schermi dei radar dell’aereo”.

Mentre le indagini proseguono e si procede all’identificazione dell 224 vittime (9 quelle la cui identità è stata finora ricostruita), il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi, citato dalla Bbc, è tornato a ribadire che la rivendicazione dell’Isis, che ha sostenuto di aver abbattuto il velivolo della compagnia Kogalymavia che trasportava turisti russi che rientravano da Sharm El Sheikh a San Pietroburgo, è solo “propaganda”.

Anche il direttore dell’Intelligence nazionale Usa James Clapper ha descritto come “improbabile” il coinvolgimento della cellula dell’Is nel Sinai nel disastro. “E’ un modo per danneggiare la stabilità e la sicurezza dell’Egitto, e l’immagine dell’Egitto”, ha detto al-Sisi. ”Credetemi, la situazione nel Sinai, e soprattutto in quell’area limitata, è sotto il nostro pieno controllo – ha aggiunto il presidente egiziano – Chiunque sia interessato alla questione è benvenuto a partecipare alle indagini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Indipendenza Catalogna: cinque spunti per capire che aria tira

next
Articolo Successivo

Tony Blair, Saddam Hussein e l’uso della menzogna politica

next