“La legge è uguale per tutti, ma in Italia non tutti sono uguali davanti alla legge. Giudici e magistrati sono sempre più corrotti. La furbizia è parte del nostro Dna”. Sono alcune dei temi che gli studenti delle scuole superiori hanno posto a Gherardo Colombo, ex magistrato e membro del pool milanese durante Mani Pulite. L’occasione è stata l’evento Sulle Regole, che quest’anno ha il titolo “Voci del verbo furbare“. L’incontro è servito per un confronto sui temi di legalità e corruzione, un terreno di scambio tra l’ex pm e i giovani presenti al Teatro Piccolo Studio Melato di Milano insieme al leader degli Elio e le Storie tese, ma anche i 21mila ragazzi collegati via satellite da più di cento cinema in tutta Italia. “E’ necessario che ci educhiamo a non essere corrotti – ha spiegato Colombo – Come fare? Dobbiamo andare dentro le cose, cercare di capire. Non basta il sistema della punizione”. E a chi gli ha chiesto se lasciare la magistratura non sia stata una resa, Colombo risponde: “No, sono convinto di poter fare qualcosa di più efficace contro la corruzione parlando con voi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Ricercato” da Equitalia dal 2007 per non avere pagato alcune fatture. Ma l’evasore ha 10 anni

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco, l’ultimo mistero in Vaticano: violato pc del revisore generale delle finanze

next