donald trump_675

Quando, in un dibattito, è tutta colpa della stampa e, ovviamente, del governo, che è ladro se piove, vuol dire che di idee in giro ce ne sono poche e non sono neppure quelle giuste. Per di più dette male. E’ successo nella notte, a Boulder, Colorado, nel terzo dibattito televisivo tra gli aspiranti repubblicani alla Casa Bianca: i tenori steccavano o erano senza voce, lasciando così spazio alle seconde linee; e gli uni e gli altri davano addosso concordi ai giornalisti, che non facevano le domande giuste, e a Obama e Hillary, che non fanno le cose giuste.

Alla fine, nessuno dei contendenti ha mostrato valide credenziali per fare il presidente degli Stati uniti. Donald Trump è ricaduto nel vizietto di strafare, tanto che il moderatore l’ha persino dovuto correggere –ne è nato un mini-battibecco-; e Ben Carson ha ecceduto nel tacere, convinto che meno dice meno sbaglia.

I due battistrada della corsa alla nomination repubblicana non hanno brillato: Trump troppo ansioso di accentrare su di sé l’attenzione; Carson senza strumenti oratori né argomenti. C’è stata, invece, la rinascita di Chris Christie, finora in ombra tra campagna e sondaggi, e l’uscita allo scoperto delle seconde linee di questa competizione.

Il confronto, a Boulder, in Colorado, è stato il terzo della serie, dopo quelli di Cleveland, Ohio, in agosto e di Simi Valley, California, in settembre. Per la prima volta, Trump, magnate dell’immobiliare e showman, non partiva in testa: Carson, ex neuro-chirurgo, l’unico nero del lotto, l’ha infatti superato, in un sondaggio condotto da Cbs/NYT: 26% contro 22% di Trump.

Tutti gli altri 13 aspiranti alla nomination repubblicana erano sotto il 10%, prima del match di cui mancano ancora riscontri in termini di impatto sul pubblico

Il dibattito è stato trasmesso dalla Cnbc dal Coors Event Center, Università del Colorado, ed è stato moderato da giornalisti della rete: dentro il centro, un pubblico incline all’applauso –Boulder è una roccaforte repubblicana- fuori, manifestazioni di protesta d’immigrati, sindacati ed ecologisti anti-trivellazioni.

Se questa non era stata, finora, la campagna dei governatori, la serata di Boulder è, invece, stata la migliore per il governatore del New Jersey, Christie, grintoso ed efficace; e spazio hanno anche trovato l’ex governatore dell’Arkansas Mike Huckabee, un predicatore, il più assiduo nelle corse alla nomination, e –meno- il governatore dell’Ohio John Kasich, mentre l’ex governatore della Virginia Jeb Bush ha confermato di non essere a suo agio con questa formula.

In una serata senza tenori e senza dominatori, il senatore della Florida Marco Rubio, il più giovane del gruppo e uno dei favoriti, s’è limitato a fare i minimo sindacale. Neppure quello hanno fatto i senatori del Texas Ted Cruz, forse il meno loquace, e del Kentucky Ron Paul, il libertario, verboso e poco concreto.

In palla, invece, come già nel secondo dibattito, Carli Fiorina, l’unica donna, ex ceo dell’Hp: questa volta, Trump non l’ha stuzzicata; e lei se l’è presa direttamente con Hillary, di cui s’è proclamata “il peggiore incubo”. Bisogna, però, che la Fiorina non esca di scena tra un dibattito e l’altro.

La politica interna e l’economia hanno dominato la discussione, al termine di una giornata che aveva visto confermarsi l’accordo sul bilancio 2016 tra l’Amministrazione democratica e l’opposizione repubblicana che è maggioritaria nel Congresso – l’intesa è stata negoziata da John Boehner, speaker uscente della Camera – e delinearsi la designazione – per la sostituzione di Boehner – di Paul Ryan, deputato del Wisconsin e già candidato alla vice-presidenza nel 2012 in ticket con Mitt Romney. La nomina di Ryan sarà oggi ufficializzata.

Su alcuni punti, tutti i candidati, che hanno in genere evitato di ‘spararsi addosso’ e d’esporsi al ‘fuoco amico’, sono stati concordi: nella denuncia del ‘grande governo’ federale e nelle promesse di ridurne le dimensioni e le competenze, oltre che, naturalmente, le spese e il debito. Raffiche di critiche sono state indirizzate al presidente Barack Obama e alla candidata democratica Hillary Rodham Clinton, specie sulla riforma della sanità (l’Obamacare) e sulle loro politiche e i loro programmi sociali ed economici. E pure la stampa è finita sotto tiro: “Le vostre domande fanno capire perché il pubblico non ha fiducia in voi”, è stata l’unica battuta non banale di Cruz.

Gli attacchi reciproci sono invece stati pochi e più ironici che aspri, come quando Huckabee ha mostrato la sua cravatta a Trump dicendogli “E’ una delle tue”; e Bush, nell’unico momento efficace della sua serata, come al solito opaca, è intervenuto chiedendogli “Fatta in Cina?, o magari in Messico?”, dopo che Trump s’era impegnato a riportare negli Usa posti di lavoro cinesi e messicani.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bosnia, arrestato in Germania l’ex comandante “Paraga”: nel ’93 fece fucilare tre volontari italiani

next
Articolo Successivo

Usa 2016, i candidati repubblicani non convincono. E Hillary Clinton li prende in giro su Twitter

next