“E’ una riforma inqualificabile, via i partiti dalla Rai e dentro il governo a gamba tesa, senza nessun tipo di cuscinetto il governo nominerà l’amministratore delegato, non ci sono contrappesi, una legislazione simile c’è in Bulgaria e in Moldavia richiamate più volte dalle istituzioni europee”. Così Roberto Fico, presidente della Commissione di Vigilanza Rai e deputato del M5S, commenta ai microfoni de ilfattoquotidiano.it la riforma Rai targata Matteo Renzi e discussa alla Camera. “Peggio della legge Gasparri, molto più grave, ma Renzi arriva dove non è potuto arrivare Berlusconi, appoggiato dalle false opposizioni e nel silenzio totale di intellettuali, sindacati, senza girotondi di sinistra, tutti fermi a non far nulla mentre il progetto di un uomo solo al comando si sta realizzando”, sostiene ancora Fico, relatore di minoranza della riforma. E sul canone aggiunge: “Io lo pago non faccio come Salvini, ma serve una riflessione, c’è da chiedersi il perché uno deve pagare il canone di una televisione pubblica non indipendente occupata dal governo. E l’idea della rateizzazione in bolletta non solo è incostituzionale, ma genererà una marea di ricorsi che alla Rai non verrà versato un solo eur”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Spese pazze Sardegna, Barracciu si è dimessa. Finalmente

prev
Articolo Successivo

Consumo del suolo, Galletti: “Testo equilibrato, ma Parlamento può modificare”

next