Tribunale di Cremona, 18 febbraio 2016. Luogo e data che potrebbero avere un peso specifico importante nella carriera di Antonio Conte che, insieme ad altri 103 indagati, seguirà con estrema attenzione l’udienza preliminare della maxi inchiesta sul calcioscommesse, fissata davanti al gip di Cremona Paolo Beluzzi. Oltre al commissario tecnico della nazionale italiana, tra gli indagati ci sono anche l’ex bomber della Nazionale Beppe Signori e diversi tra giocatori, ex giocatori, allenatori e manager che avrebbero truccato le partite di diversi campionati.

L’accusa per Conte è di frode sportiva per i fatti avvenuti quando l’allenatore della selezione italiana era alla guida del Siena. In particolare la richiesta riguarda la partita Albinoleffe-Siena del 29 maggio 2011, mentre è stata chiesta l’archiviazione per la partita Novara-Siena del 30 aprile 2011. Davanti al gip di Cremona anche l’ex allenatore dell’Atalanta Stefano Colantuono, ora all’Udinese, sempre per frode sportiva, il giocatore della Lazio Stefano Mauri e Cristiano Doni. Per l’ex capitano dell’Atalanta, per Mauri e per Signori l’accusa, oltre che di frode sportiva è anche di associazione a delinquere. Secondo la procura cremonese sarebbero almeno 200 le partite in odore di combine, 60 quelle per cui c’è un’imputazione. Otto invece le partite prescritte al termine dell’inchiesta. Tra queste figura anche il match Napoli-Chievo del 31 maggio 2009 finita 3-0.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fifa, per il dopo-Blatter in pole lo sceicco Al-Khalifa. Con la sua famiglia ha represso nel sangue la rivolta nel Bahrain

next
Articolo Successivo

Moratti, l’addio anticipato all’Inter è la fine del calcio a gestione famigliare

next