Dovevano essere le nuove stalle per le botticelle romane, le carrozze che trasportano i turisti nei luoghi più suggestivi della Capitale, nel cuore di Villa Borghese. Un milione e 350 mila euro spesi per realizzarle, ultimate lo scorso marzo ma, al momento, inutilizzate. “Hanno speso tutti questi soldi – spiega Annamaria Procacci dell’Enpa, Ente nazionale protezione animali – per dei privati e le stalle neanche vengono usate dalle botticelle. Credo che la Corte dei conti avrebbe qualcosa da dire”. La motivazione, secondo la versione dei vetturini, è legata agli spazi. “Abbiamo 80 cavalli e 41 carrozze – racconta Angelo Sed della Naver (Nuova associazione vetturini romani) – ma hanno realizzato 71 stalle e 38 box per le carrozze. Alcune in meno rispetto alla nostra ultima richiesta. Non abbiamo problemi a trasferirci lì, ma vogliamo stare comodi”. L’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Roma, Maurizio Pucci, più volte contattato dal ilfattoquotidiano.it non ha voluto intervenire sulla vicenda

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lampedusa ricorda la strage di migranti del 2013. Mattarella: “La nostra coscienza s’interroghi sul dolore dei profughi”

next
Articolo Successivo

Sanità, oculisti: “No a stretta sugli esami. Affrontare nodo assicurazioni dei medici”

next