“Se gli agricoltori non rispetteranno i decreti di abbattimento, agiremo d’imperio e senza alcun risarcimento, non costringeteci a ricorrere a strumenti militarizzati“. E’ l’avvertimento lanciato ai coltivatori salentini dal commissario straordinario per l’emergenza del batterio Xylella, Giuseppe Siletti, che ha presentato a Bari il piano straordinario contro il batterio killer. Nell’immediato futuro, infatti, verranno abbattuti 3000 ulivi malati, con indennizzi da 98 a 148 euro per ogni albero. Di questi, 2000 sono in provincia di Brindisi e 1000 in provincia di Lecce.

Un ulteriore indennizzo è garantito dal fondo di solidarietà nazionale, ed è previsto se il valore complessivo delle piante è superiore ai 15mila euro. Tuttavia, potranno accedere al fondo solo gli imprenditori agricoli che possono chiedere un risarcimento pari al 30% della produzione lorda vendibile stimata nei prossimi 20 anni. Secondo Siletti, non si è potuto evitare questa soluzione perché il  batterio è diventato sempre più aggressivo: “Ogni giorno troviamo nuovi focolai: gli ultimi sono a Torchiarolo, San Pietro Vernotico e Cellino San Marco. Per questo, gli agricoltori devono collaborare e i sindaci devono far rispettare la legge”. Fino a ora, sono stati analizzati 40mila ulivi. Siletti ha assicurato che verranno eliminati sono le piante sicuramente infette e nel brindisino anche quelle che si trovano nel raggio di cento metri dall’albero malato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Centrali elettriche, l’Europa torna al passato: prevista la costruzione di centodieci impianti alimentati a carbone

prev
Articolo Successivo

Xylella più veloce del piano di emergenza. Sos agricoltori: “Trovati nuovi focolai, turismo rischia. Quale futuro senza ulivi?”

next