I sei colpi che hanno ucciso il sottufficiale dell’Esercito Trifone Ragone e la fidanza Teresa Costanza sono stati sparati con un vecchio arnese risalente alla Grande guerra. Una semiautomatica Beretta, modello 1922, brevetto 1915-1919, calibro 7.65 Browning: è questa – riporta il Corriere della Sera – l’arma che il killer ha scelto lo scorso 17 marzo per eliminare la coppia di Pordenone.

Ne sono convinti gli investigatori che mercoledì hanno sequestrato un computer giudicato interessante nell’appartamento nel quale l’unico indagato per l’omicidio, il caporal maggiore Giosuè Ruotolo, 26enne collega ed ex coinquilino di Trifone Ragone, viveva con altri due commilitoni. Essendo una dimora condivisa, i carabinieri hanno notificato il provvedimento di sequestro anche agli altri due inquilini, iscritti nel registro degli indagati “per atto dovuto“. La loro posizione, tuttavia, è stata immediatamente stralciata perché i due sono stati subito considerati estranei alla vicenda. Così il pm ha già presentato al gip richiesta di archiviazione nei loro confronti.

Intanto è stato fissato per martedì prossimo l’interrogatorio di Ruotolo. Sarà dunque la prima volta che il commilitone ed ex coinquilino di Trifone Ragone risponderà da indagato. Ruotolo, infatti, era stato già ascoltato altre tre volte dagli investigatori, ma sempre semplicemente come persona informata sui fatti. Per martedì dovrebbero inoltre essere già disponibili anche i primi riscontri degli esami eseguiti dai Ris di Parma sulla presenza di eventuali tracce sulla pistola che ha fatto fuoco, rinvenuta nel laghetto del parco di San Valentino, non lontano dal parcheggio della palestra dove la sera del 17 marzo i due fidanzati vennero uccisi.

Rimane sempre da sciogliere il nodo principale: il movente. Inizialmente la Procura di Pordenone non ha escluso nessuna pista: dal delitto passionale allo screzio degenerato, da antichi rancori a questioni di denaro e prestiti magari non restituiti, fino ad una banale lite. Adesso invece ci si concentra sul rapporto tra Ruotolo e il commilitone. I due si conoscevano da tempo e si frequentavano abitualmente. Ma coabitazione si era conclusa quando Trifone andò a convivere con Teresa in un mini appartamento alla prima periferia della città. Le analisi sul computer potrebbero raccontare qualcosa in più.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mose, il commissario: “Danni a opera dovuti a tangenti”. Dopo arresti spese annue ridotte di 30 milioni

next
Articolo Successivo

Sardegna, torna l’incubo alluvione. E la sensazione di impotenza

next