Se Uber ha rivoluzionato per sempre il settore taxi, causando una vera e proprio guerra tra l’azienda, i tassisti e le istituzioni, stavolta la rivoluzione potrebbe presto investire il settore della logistica: Amazon ha annunciato poche ore fa Amazon Flex, la nuova applicazione che offre a chiunque la possibilità di guadagnare diventando fattorini.

Già dagli scorsi mesi il gigante dell’e-commerce avevo diffuso voci sulla possibilità di implementare un servizio simile, e da ieri le indiscrezioni si sono trasformate in realtà: Flex è già attivo nella città di Seattle, e presto arriverà anche a Manhattan, Baltimora, Miami, Dallas, Austin, Chicago, Indianapolis, Atlanta e Portland. L’app, sfruttando la geo-localizzazione, permette agli aspiranti postini – una volta iscritti – di ritirare la merce dai vari depositi e di consegnarla ai clienti impiegando al massimo un’ora. Il compenso varia da 18 ai 25 dollari per ogni spedizione, e non sono previsti limiti riguardo alle ore di lavoro. Gli unici requisiti sono i 21 anni d’età, uno smartphone Android e una macchina. L’azienda, comunque, non ha escluso per il futuro la possibilità di effettuare consegne anche con biciclette o addirittura a piedi in posti come Manhattan.

Il nuovo servizio andrà ad arricchire Prime – l’offerta premium di Amazon – con l’obiettivo di fidelizzare i milioni di utenti del portale, e magari convincerli ad acquistare con una maggiore frequenza. Un investimento, quello di Flex, che si affianca ad Amazon Prime Air, il servizio di logistica in fase di sperimentazione che promette di effettuare consegne attraverso l’utilizzo di droni. I vari procedimenti legali che hanno coinvolto Amazon negli ultimi mesi, non sembrano dunque aver spaventato Jeff Bezos, il Ceo dell’azienda, che non ha esitato a compiere un vero e proprio passo verso il cosiddetto mercato “on demand“. “Siamo molto fiduciosi del nostro approccio”, ha dichiarato in un’intervista al Wall Street Journal un indifferente Dave Clarke, manager delle operazioni internazionali di Amazon.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Destiny, Il Re dei Corrotti chiude il primo anno. Un gigantesco incompiuto

prev
Articolo Successivo

Twitter vuole abbandonare il limite dei 140 caratteri per sfidare gli altri social network

next