Per diventare fundraiser bisogna essere dei maghi o dei manager? Ho sempre creduto alla seconda finché “Cliff the Magician” mi ha convinto del contrario. Per fare fundraising ci vuole magia!

Per chi non lo sapesse il “fundraiser” è il professionista non profit della raccolta fondi, delle partnership, del rapporto con le aziende e le fondazioni, delle “strategie di funding”. Un profilo (meravigliosamente) complesso e ritagliato su misura per chi viene dal for profit in particolar dagli ambiti comunicazione, marketing e management in generale, per gli studenti di economia, scienze della comunicazione, per i letterati con doti di scrittura creativa e buona comunicativa.

Ma ora Cliff ci dice che in realtà “Non importa da dove venite, per fare fundraising dovete essere maghi”. E lo ha dimostrato al XV Congresso della Associazione Spagnola Fundraiser a Madrid con un’ora e mezza di sorprese, da mago professionista qual è. La sua stessa storia è magica, come tante di quelle vite che passano con successo dal for profit al non profit.

Cliff era un mago professionista e di successo in Inghilterra, ma sentiva che alla sua vita mancava qualcosa. Amava il suo lavoro, i suoi tre figli, ma cercava un maggiore senso. Dopo avere provato a offrire i suoi servizi ai centri anziani ed essere preso per pazzo, tra un’illusione e una disillusione, approda casualmente a quella che si sarebbe dimostrata una certezza della sua vita: Abracadabra, la Fondazione dei Maghi Solidali.

Come tutti i maghi buoni che combattono contro il male perché il bene prevalga, i Maghi di Abracadabra lavorano con i bambini in ospedale, nelle situazioni più gravi, dove ridere è di per sé una magia, dove la realtà può cambiare senza limiti e con essa la speranza. E dove gli aiutanti preferiti e vice-maghi sono piccoli disabili.

Confesso che la mia parte manager – time oriented e sbrigativa – all’inizio ha resistito: “Ma sono venuto qui a perdere due ore per vedere un illusionista da strada con tutto quello che ho da fare”? Poi la meraviglia si è fatta spazio, e ho capito il messaggio di Cliff “Sono la magia, la meraviglia, che cambiano il mondo, togliendolo al cinismo e ai numeri’. E’ stata la foto di un bambino a far svoltare la percezione europea sui rifugiati, non il mare di statistiche in cui tutti affoghiamo disperati.

Ho pensato ad alcuni colleghi e amici cari, come Gianpaolo Montini, Direttore dell’Associazione Peter Pan, grande manager del settore –laurea in ingegneria navale con tesi in propulsione aereo-spaziale e già manager in Telecom Italia. Alla gioia con cui fa il suo lavoro e “dà propulsione” alla organizzazione in cui lavoro; alla meraviglia con cui ti contagia quando racconta dei progressi delle “Case di Peter Pan” dedicate al lungo soggiorno delle famiglie e dei bambini in trattamento oncologico, o alla semplicità umana e professionale con cui ti dice “abbiamo raccolto xx milioni di euro’ perché i soldi sono solo il mezzo e quel che conta sono i bambini.

Ho pensato anche a Maria Carla Cardelli, laureata in statistica economica e già responsabile fundraising di Medici Senza Frontiere, Libera, Ospedale Bambino Gesù. Ora è anche impegnata formare le ‘nuove generazioni’ e da anni racconta agli studenti del nostro Master in Fundraising: “Quando lavorate in una nonprofit come fundraiser professionisti, vi considereranno come maghi e fate, che, senza far spendere nulla, con la bacchetta magica, porteranno un sacco di soldi!”

Anche per questo, oltre che per i suoi capelli biondi ed i grandi occhi azzurri, Maria Carla è stata soprannominata “la fata turchina”. Carla rassegnati, è proprio così, per essere fundraiser bisogna essere dei maghi: trasformare le visioni del futuro in statistiche e strategie, i buoni propositi in donazioni, la disaffezione in partecipazione ed i “babbani” in maghi. Tu intanto continua a insegnare il fundraising, perché- come dimostra Harry Potter, anche i maghi si formano, eccome!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Miss Italia 2015, Alice Sabatini e la gaffe sulla Seconda guerra mondiale: i meme più divertenti

next
Articolo Successivo

Migranti, due storie di integrazione che hanno reso la mia vita migliore

next