L’Italia del fioretto femminile sul tetto del mondo. Beatrice Vio ha vinto la medaglia d’oro ai Mondiali di scherma paralimpici in corso ad Eger, in Ungheria. La diciottenne, già campionessa europea 2014 a Strasburgo, il 19 settembre ha superato nella finale di fioretto femminile la padrona di casa ungherese Gyongyi Dani, sconfiggendola nettamente per 15-4.

“Non mi rendo ancora conto di essere la campionessa del mondo! – ha commentato l’atleta di Mogliano Veneto – Al momento la gioia più grande è perché, con questa vittoria, ho il biglietto per i Giochi Paralimpici di Rio 2016 e questo era il mio obiettivo. La giornata non era iniziata bene, ma è finita alla grande. Che bello poi sentire tutti i ragazzi della squadra incitarmi e fare il tifo per me. E’ una bella emozione che dedico a tutti quelli che mi stanno accanto ed a Simone Vanni – anche lui schermidore – che mi dice cosa fare quando sono in pedana”. Il cammino sportivo dell’azzurra è stato un trionfo: aveva sconfitto in semifinale, per 15-6, la cinese Jingjing Zhou, dando seguito così ai successi maturati ai quarti per 15-2 contro la bielorussa Alesia Makrytskaya, mentre agli ottavi aveva eliminato la schermitrice di Hong Kong, Yui Chong Chan, col punteggio di 15-11.

Nella stessa giornata della medaglia d’oro, l’Italia ha conquistato il  bronzo nel fioretto maschile con Marco Cima, sconfitto in semifinale dal cinese Daolinang Hu col punteggio di 15-9, poi vincitore finale del titolo. E ieri William Russo ha vinto la terza medaglia per l’Italia della scherma, che si conferma ancora una volta il fiore all’occhiello del movimento olimpico italiano. L’atleta palermitano si è laureato vicecampione del mondo di spada maschile. La medaglia d’argento è arrivata al termine della finale, dove l’azzurro è stato sconfitto dal russo Alexander Logutenko per 15-7. Si tratta della nona medaglia ai Mondiali nella sua carriera che, ad oggi, ha conquistato un titolo, quattro medaglie d’argento ed altrettante di bronzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Basket A2, Alessandro Pagani in coma farmacologico dopo malore in campo

prev
Articolo Successivo

Alessandro Pagani, dopo malore in campo si risveglia da coma il cestista di A2

next