La riforma del Senato in Aula, le barricate promesse da parte delle opposizioni e le sedute più lunghe per arrivare all’approvazione del testo in pochi giorni. Nemmeno questo sembra aver convinto i parlamentari a rinunciare al weekend lungo e, secondo quanto denunciato dai senatori M5S, questa mattina sono comparsi nel guardaroba di Palazzo Madama alcuni trolley. “Il calendario d’esame della riforma del Senato è stato modificato”, ha denunciato il questore M5S Laura Bottici, “allungando di un giorno per accelerare la discussione e il voto in Aula, saltando l’iter parlamentare in commissione, e i senatori cosa fanno? Di giovedì mattina si presentano a palazzo Madama con i trolley già pronti per darsi alla fuga per il weekend”.

Secondo Bottici i parlamentari sarebbero in realtà disinteressati a partecipare al dibattito sul provvedimento: “Domani”, ha continuato, “è prevista in Aula la discussione generale sulla modifica della Costituzione, che consentirebbe la nascita del nuovo Senato, ma a quanto pare  ai componenti dell’arco parlamentare non interessa granché entrare nel merito del provvedimento. Specie se per quel giorno non è previsto un voto e la conseguente diaria da intascare. Hanno già ricevuto ordini di scuderia sul voto da esprimere e vanno tranquillamente a godersi il loro weekend a spese dei cittadini anziché presenziare i lavori parlamentari”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, ddl in Aula tra le proteste. scontro Renzi-Grasso sugli emendamenti. “Conseguenze se riapre”, “Non siamo museo”

next
Articolo Successivo

Ddl Penale, reati in casellario anche dopo 80 anni. Ok aumento pene voto scambio

next