C’è anche Roma tra le cinque città candidate per ospitare le Olimpiadi del 2024. Lo ha ufficializzato il Comitato olimpico internazionale (Cio), dopo che ieri sera a mezzanotte sono scaduti i termini delle presentazioni. Oltre a quella della Capitale, le candidature accettate sono quelle di Amburgo, Budapest, Los Angeles Parigi

“Diamo il benvenuto alle cinque città candidate, tutte eccezionali ed altamente qualificate”, queste le parole del presidente del Cio, Thomas Bach. “L’Agenda 2020 ha fatto divenire il processo di candidatura più come un invito e le città hanno risposto impegnandosi con il Comitato Olimpico attraverso il dialogo e la cooperazione”, ha aggiunto sottolineando come: “La sostenibilità e l’eredità sono i cardini di ogni candidatura”.

Il Comitato olimpico comunicherà la città che ospiterà i Giochi Olimpici in occasione della 130esima Assemblea Generale dell’organizzazione internazionale in programma a Lima in Perù nel settembre 2017 e sosterrà con un contributo economico di 1,7 miliardi di dollari il comitato organizzatore vincente. In linea con il suo impegno per la trasparenza e l’etica ed a seguito dell’Agenda 2020 il Comitato Olimpico, inoltre, ha pubblicato oggi tutti i documenti relativi alla candidatura. Le città in lizza, da parte loro, dovranno rispettare i principi della carta olimpica e del contratto siglato tra i quali l’impegno contro la discriminazione sessuale, la libertà di stampa ed il rispetto del diritto del lavoro in termini di salute, sicurezza, salvaguardia dell’ambiente e leggi contro la corruzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Doping, ecco la lista nera dei 114 medici e direttori sportivi con cui è vietato lavorare. La metà sono italiani

next
Articolo Successivo

Europei basket, quarti di finale Italia-Lituania. Basile: “Puntiamo sul talento”

next