Sono sette le vittime della valanga che martedì 15 settembre ha travolto una cordata sul massiccio degli Écrins, nel comune di Pelvoux, sulle Alpi francesi.

La slavina è caduta intorno alle 12 sul Dôme de neige des Écrins, a 4.015 metri di altitudine, in una giornata in cui non erano state diffuse allerte particolari dai servizi meteo.

I media francesi riferiscono che una persona è stata ritrovata sana e salva, con leggere ferite, dalle squadre di soccorso che hanno lavorato con due elicotteri, cani da valanga e una dozzina di uomini.

Secondo quanto riporta il sito di Le Figaro, citando fonti dei soccorsi, tra le vittime ci sono due tedeschi e tre cechi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corea del Nord riavvia sito nucleare di Yongbyon: “Pronti a lancio contro Usa”

next
Articolo Successivo

Turchia, Dundar: “Erdogan porta il Paese verso la guerra civile per riprendersi la maggioranza assoluta, ma non ce la farà”

next