“Pennetta Pasta e Vinci Code”. I soprannomi sono comparsi sul profilo Twitter ufficiale dell’Us Open durante la diretta live della finale storica tra le due tenniste italiane che ha visto la vittoria di Flavia Pennetta. L’idea è stata del giornalista sportivo di ESPN Brad Gilbert che spesso durante le cronache usa nickname per chiamare i giocatori, ma questa volta non tutti gli utenti hanno apprezzato l’ironia perché legata a stereotipi italiani. ”

Soprannomi razzisti”, hanno scritto in rete. Il cronista ha scelto di associare i cognomi delle due tenniste a due immagini molto conosciute anche all’estero: la pasta per Flavia Pennetta e il libro “Il codice da Vinci” di Dan Brown per Roberta Vinci.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Macchianera Italian Awards, il Fatto Quotidiano “miglior testata giornalistica”

next
Articolo Successivo

Grillo condannato a 1 anno di carcere per diffamazione di un prof: “Io come Pertini e Mandela”

next