“Pennetta Pasta e Vinci Code”. I soprannomi sono comparsi sul profilo Twitter ufficiale dell’Us Open durante la diretta live della finale storica tra le due tenniste italiane che ha visto la vittoria di Flavia Pennetta. L’idea è stata del giornalista sportivo di ESPN Brad Gilbert che spesso durante le cronache usa nickname per chiamare i giocatori, ma questa volta non tutti gli utenti hanno apprezzato l’ironia perché legata a stereotipi italiani. ”

Soprannomi razzisti”, hanno scritto in rete. Il cronista ha scelto di associare i cognomi delle due tenniste a due immagini molto conosciute anche all’estero: la pasta per Flavia Pennetta e il libro “Il codice da Vinci” di Dan Brown per Roberta Vinci.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Macchianera Italian Awards, il Fatto Quotidiano “miglior testata giornalistica”

next
Articolo Successivo

Grillo condannato a 1 anno di carcere per diffamazione di un prof: “Io come Pertini e Mandela”

next