Un italiano di 52 anni è stato fermato nei pressi di Budapest, con 33 siriani nascosti nel furgone. L’uomo era diretto in Germania ed è stato intercettato nei pressi del lago Balaton. L’accusa della polizia ungherese è di traffico di essere umani. Secondo Sky, l’uomo si sarebbe difeso aver raccolto i profughi infreddoliti. Al momento, comunque, l’ambasciata italiana sta facendo verifiche sul caso. L’Ungheria è uno dei paesi più interessati dal flusso di migranti: Nelle ultime 24 ore sono entrate 3226 persone dalla Serbia. Gli arrivi rimangono consistenti anche nel sud dell’Europa. In poche 7600 migranti sono entrati in Macedonia provenienti dalla Grecia.

Non è comunque la prima volta che un italiano viene fermato su un furgone con dei migranti nascosti, sempre in zone molto distanti dell’Europa. E’ il terzo caso nelle ultime settimane: Il 3 settembre un milanese è stato arrestato con 24 migranti a Mentone, in Francia subito dopo il confine italiano; l’uomo è stato condannato per traffico di essere umani. Pochi giorni prima, il 29 agosto,  un camionista era stato fermato in Inghilterra ma subito dopo scagionato perché i migranti sarebbero saliti di nascosto sul mezzo.

Sull’argomento trafficanti era intervenuto ieri ai microfoni di Radio1 Maurizio Scalia, procuratore aggiunto di Palermo:” I trafficanti sono prevalentemente nordafricani, eritrei e di qualche altra nazionalità. Non ci sono coinvolgimenti di italiani. I viaggi in nord Europa, in Svezia e in Norvegia, costano mediamente dai 1000 ai 1200 euro”.

 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, Putin replica il modello Ucraina: invia “aiuti umanitari” ma sono armi. Per spartirsi la torta del dopo-Assad

next
Articolo Successivo

Venezuela: 13 anni a Leopoldo López. Una triste parodia di giustizia

next