Quando uccise Franco Mazzé, Fabio Chianchiano non era solo. È per questo motivo che oggi la squadra mobile di Palermo ha arrestato due nuovi componenti del commando della morte  che il 29 marzo scorso aveva assassinato Mazzé, indicato come referente del clan mafioso dei Lo Piccolo, nelle strade del quartiere Zen, nel capoluogo siciliano.

In manette, nel blitz coordinato dal capo della squadra mobile di Palermo Rodolfo Ruperti, sono finiti i fratelli Gaetano e Stefano Biondo, di 46 e 53 anni. Chianchiano, invece, era stato arrestato dopo due giorni dall’omicidio. Chianchiano era stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza di un bar durante una rissa con lo stesso Mazzé: poco dopo era entrato in azione il gruppo di fuoco .

A dare nuovi elementi investigativi sarebbe stato anche uno dei figli di Mazzè che avrebbe registrato con il cellulare le conversazioni di alcuni testimoni che mai si sarebbero rivolti alla polizia. Quelle registrazioni sono finite agli atti dei pm Geri Ferrara e Sergio Barbiera, che hanno chiesto e ottenuto al gip Luigi Petrucci di riportare in carcere Stefano Biondo, il quale era stato rimesso in libertà dal Riesame, e il fratello Gaetano.

I fratelli Biondo erano a bordo delle auto utilizzate dai killer al momento dell’agguato: Mazzé era stato assassinato con otto colpi di calibro 9, sparati a bruciapelo. Negli stessi frangenti, contro l’abitazione di un altro pregiudicato, vicino a Mazzè, furono esplosi altri colpi d’arma da fuoco.  Secondo la ricostruzione degli inquirenti è emerso che Stefano Biondo guidava l’auto sulla quale viaggiava il gruppo di fuoco. Gaetano spalleggiava Chianchiano al momento dell’omicidio e della sparatoria contro l’abitazione del sodale di Mazzé.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vittorio Casamonica, figlia a Porta a Porta: “Era buono come Papa Wojtyla”

next
Articolo Successivo

Beni sequestrati alla mafia, Caltanissetta indaga su gestione del giudice Saguto

next