donna incinta

Kyle Casson, 24 anni, vuole diventare padre, ma essendo single e gay non può ricorrere né all’adozione né alle agenzie per utero in affitto ché il suo status giudicano negativamente. Date le circostanze, la madre Anne-Marie si offre di fare da madre surrogata e, ospitando embrioni ottenuti da gameti del figlio e ovuli di una donatrice, porta a termine una gravidanza. È accaduto ad agosto 2014 in Inghilterra dove una donna di 46 anni è diventata mamma e nonna di Mils, il figlio di suo figlio Kyle. L’Alta Corte inglese ha poi accolto la richiesta di adozione da parte di Kyle e il bambino è ora legalmente suo figlio e non suo fratello.

Alle critiche arrivate Kyle ha poi risposto: “Ho un figlio e oggi sono felice. Se si è in grado di fornire sostegno e amore, non vedo perché a qualcuno dovrebbe essere negato il diritto di essere un genitore. Per avere questo bambino ho pagato io, non è denaro dei contribuenti”. E sul perché abbia scelto sua madre per la surrogazione, dice: “Il vantaggio di una madre surrogata che conosci e di cui ti fidi è che ci sono meno rischi connessi all’adozione. Se si utilizza una surrogata estranea può anche decidere di tenersi il bambino, dato che legalmente ne è la madre”.

Ed è proprio ciò che è accaduto a Gordon e Manuel.

Dopo aver partorito una bambina, la thailandese Patidta Kusolsang, madre surrogata, venuta a conoscenza del fatto che la coppia committente – Gordon Lake e Manuel Santos, rispettivamente americano e spagnolo – è in realtà una coppia gay, si rifiuta di firmare i documenti necessari per il passaporto della bimba. In Thailandia una donna che dà alla luce un bambino conserva tutti i diritti legali di quel bambino che non può uscire dal Paese senza la sua approvazione. Anche l’ambasciata americana si è attivata per risolvere la vicenda, senza esito, perché “ai sensi della legge degli Stati Uniti, il Dipartimento non può rilasciare passaporti ai figli minori senza il consenso del genitore legale o tutore”.

Tutt’oggi, Gordon e Manuel, per paura che la piccola Carmen gli venga portata via, vivono con lei e l’altro figlio di due anni, Alvaro – anche lui avuto con maternità surrogata in India – in un luogo segreto della Thailandia in attesa che l’intricata questione si risolva. La coppia lo scorso anno si era rivolta a un’agenzia, la New Life Thaildan, e i due avevano prima scelto la donatrice di ovuli, poi approvato la madre surrogata, Patidta Kusolsang, una donna proveniente da una famiglia borghese con una figlia e un lavoro stabile. Patidta dunque, è una madre a surrogazione gestazionale, il che significa che gli ovuli usati nella fecondazione non appartengono a lei.

A fine luglio, proprio mentre Patidta sta portando avanti la gravidanza, a causa di una serie di scandali la Thailandia mette fuorilegge la maternità surrogata per profitto, vietando anche la surrogazione a coppie straniere. Patidta ora nega che il suo ripensamento sia a causa dell’orientamento sessuale dei due uomini e che riguardi piuttosto un sentimento di attaccamento alla bambina, e dice inoltre che avrebbe già restituito alla coppia il compenso economico ricevuto in cambio della surrogazione. Gordon e Manuel, da parte loro, hanno più volte dichiarato che non lasceranno la Thailandia senza Carmen. “È nostra figlia (Gordon Lake ne è il padre biologico) e appartiene a noi. Abbiamo fiducia che la madre surrogata si convincerà che siamo buoni genitori e firmerà le carte per poter tornare a casa con Carmen”. Intanto, su Change.org hanno lanciato una petizione e su Facebook aperto la pagina Bringcarmehome.

I contrari alla surrogazione vedono questa opportunità come uno sfruttamento del corpo della donna, unica vittima. Tuttavia, anche la coppia committente può essere sfruttata e umiliata dal punto di vista economico ed affettivo quando la madre cambia idea e si tiene il bambino. Le domande che queste storie pongono sono molte. Le biotecnologie e le scienze progrediscono ogni giorno di più e determinano la nascita di nuovi diritti: come regolamentare queste nuove istanze? E dove e quando si deve fermare il diritto? Dal punto di vista etico, che obiezioni ci sono alla maternità surrogata se è una libera scelta? Perché va bene un bambino lasciato a balia per la maggior parte della sua infanzia e non va bene un feto ospitato per nove mesi nell’utero di una madre a surrogazione gestazionale? Fin dove si può spingere il desiderio di genitorialità?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’altra foto, quella in cui prendono parola

next
Articolo Successivo

Migranti, l’accoglienza e l’obiezione nazionalistica

next