Dal 1° gennaio 2016 alcuni richiedenti asilo potranno contare anche sulla casa del primo ministro finlandese. Juha Sipila ha infatti annunciato alla televisione pubblica di essere disposto ad ospitare alcuni profughi nella sua villa di campagna, che occupa raramente per via delle sue funzioni a Helsinki.

finlandia1_340

L’abitazione del premier si trova a Kempele, nell’Ostrobotnia settentrionale, oltre 500 chilometri a nord della capitale, e come lui stesso ha affermato alla ‘Ylè “al momento non è molto utilizzata. La mia famiglia vive a Sipoo e la residenza ufficiale del primo ministro è a Kesaranta”.

“Spero – ha affermato – che diventi una sorta di movimento popolare che ispiri molti a prendere la loro parte di responsabilità in questa emergenza abitativa dei rifugiati”. Il primo ministro finlandese ha anche detto di volere “dare il mio contributo” per “mostrare che la Finlandia è un Paese multiculturale“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

El Chapo, figlio posta foto ma non toglie geolocalizzazione. “Boss è in Costa Rica”

next
Articolo Successivo

Appunti dal mondo a km 0 – Budapest

next