Dal primo gennaio sono stati oltre 350mila migranti e rifugiati che hanno attraversato il Mediterraneo per arrivare in Europa. Sono state invece 2.643 le persone che hanno perso la vita in mare. I dati sono dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni. Secondo questi dati la maggioranza è entrata dalla Grecia, 218mila, mentre in Italia ne sono arrivati 114mila. Più di 2.100 sono giunti in Spagna e quasi cento a Malta. La maggior parte degli arrivati in Italia provengono da Eritrea, Nigeria, Somalia, Sudan e Siria. A questi si possono aggiungere le cifre fornite dal governo serbo: oltre 115mila migranti e profughi hanno attraversato lo Stato balcanico dall’inizio dell’anno, secondo quanto riferito dal ministro dell’interno Nebojsa Stefanovic.

Intanto, sempre sulla rotta mediterranea, si contano altri 4 morti, tutte donne di origine subsahariana, trovate senza vita su un gommone a 50 miglia dalla Libia. Altre 212 persone sono state invece salvate da una nave della Marina Militare. Secondo il referto medico, la morte risale a qualche ora prima dell’arrivo dei soccorsi. Il mare calmo ha semplificato il recupero degli altri profughi, tra cui ci sarebbero anche dei parenti delle 4 donne ed è stato individuato il presunto scafista.

Intanto gli arrivi in Italia non si fermano e anzi si registra il primo sbarco addirittura sulla costa abruzzese ad Ortona: tre ghanesi e due ivoriani, tutti maggiorenni, sono approdati nascosti nella stiva del posatubi Crawler, un convoglio partito dalla Costa d’Avorio, ma secondo i primi accertamenti non ci sarebbe stato un pagamento a scafisti per il viaggio. I cinque ragazzi si trovano attualmente in un centro d’accoglienza a Schiavi d’Abruzzo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Palagonia, autopsia: “Mercedes Ibanez potrebbe essere stata violentata”

next
Articolo Successivo

“Berlusconi usa l’aggressione a proprio vantaggio”: la mail del consigliere della Clinton dopo il lancio della statuina

next