E’ stato un infarto a stroncare Jozef Wesolowski. La morte dell’ex nunzio apostolico nella Repubblica Dominicana, sotto processo in Vaticano per pedofilia e pedopornografia, secondo quanto risulta dall’autopsia sarebbe “riferibile a evento cardiaco”. L’esame sul corpo di Wesolowski era stato ordinato dal Promotore di giustizia vaticano ed è stato effettuato poche ore dopo il ritrovamento del cadavere nel Collegio dei Penitenzieri in Vaticano dove l’ex arcivescovo risiedeva durante il processo penale in cui era imputato.

In un comunicato della Sala Stampa della Santa Sede si legge che “a seguito dell’improvvisa scomparsa, avvenuta nella tarda serata di giovedì 27 agosto 2015, del già nunzio apostolico Jozef Wesolowski, l’Ufficio del Promotore di giustizia vaticano, nell’ambito degli adempimenti di propria competenza, ha disposto l’effettuazione di un esame autoptico, nominando una Commissione peritale di tre esperti, coordinata dal prof. Giovanni Arcudi, docente di Medicina Legale nell’Università di Roma Tor Vergata”.

Sempre nella nota vaticana si precisa che “dalle prime conclusioni tratte dall’esame macroscopico, risulta confermata la causa naturale del decesso, riferibile a evento cardiaco. Nei prossimi giorni l’Ufficio del Promotore di giustizia acquisirà le ulteriori risultanze degli usuali esami di laboratorio effettuati da detta Commissione”. Al momento non si sa ancora se e quando saranno celebrati i funerali di Wesolowski, che si ipotizza dovrebbero avvenire comunque in modo riservato sempre in Vaticano, e dove sarà sepolta la sua salma.

Twitter: @FrancescoGrana

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Teramo, la bimba scomparsa ieri era nel bosco: ritrovata dai cani

next
Articolo Successivo

Eolie, altro che Cinema Paradiso: caro Renzi ti scrivo…

next