Il nuovo acquisto della Juventus, Juan Cuadrado, è soddisfatto del suo trasferimento in bianconero: “La migliore scelta che potessi fare. E’ la mia occasione, non fallirò”. Lasciata la Premier League e approdato in Serie A, il colombiano ha spiegato di essere “qui per restare a lungo e sono molto contento di vestire il bianconero”. L’esterno offensivo, arrivato dal Chelsea, è pronto a scendere in campo già domenica alle 18 contro la Roma: “Giocare alla Juventus sarà una sfida per me, mi sono subito messo a disposizione dal primo giorno. Sono pronto, mi sono allenato in estate e se potrò giocare contro i giallorossi sarà un piacere”.

Nessun rimpianto per l’esperienza non certo fortunata coi Blues: “Questo non è un passo indietro – ha aggiunto il ventisettenne, soprannominato “La Vespa” per la sua velocità -. E’ stata la scelta migliore per me. Non so cosa non ha funzionato al Chelsea, sono stato sempre un professionista, allenandomi molto bene. Mister Mourinho non mi ha detto niente. Ho fatto una scelta giusta e spero di fare benissimo in questa grandissima squadra, lottando partita per partita per lo Scudetto“.

Con ogni probabilità Cuadrado farà il suo esordio, probabilmente non da titolare, con la squadra allenata da Massimiliano Allegri nel big match dell’Olimpico con la Roma: “Abbiamo tutto per andare a fare il nostro gioco e vincere”. Al rientro dalla sosta per gli impegni delle Nazionali, la Juve potrà poi concentrarsi su campionato e Champions: “Per me sarà una cosa meravigliosa giocare la Champions – ha detto il colombiano – un girone difficile, ma comunque ce la possiamo fare e lotteremo per passare il turno, questa è la cosa più importante”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fifa, il vice di Blatter chiede i domiciliari. “Nella villa costruita con le tangenti”

next
Articolo Successivo

Calciomercato Napoli, difficile arrivare a Soriano. Le alternative: Vecino e Lemina

next