Qualche ora di pioggia battente, a scrosci violenti e improvvisi, e mezza Genova va sott’acqua. Preludio di autunno, in questa bizzarra fine d’estate. Un allarme che, alla luce dell’alluvione dell’ottobre 2014, raccomanda interventi tempestivi e radicali. Temporali in Liguria – in particolare a Levante – erano stati annunciati dalla Protezione Civile ma con una tempistica rivelatasi errata. Il primo allerta di livello 1 (il più basso) era stato diramato dalle ore 19 di domenica al mezzogiorno di lunedì scorso. La furia dell’acqua piovuta dal cielo si è invece scatenata su Genova nel primo pomeriggio di lunedì causando allagamenti soprattutto in Valpolcevera, flagellata da una media fra i 40 e 100 millimetri di pioggia in appena quattro ore, fra le 12 e le 17.

La Protezione Civile, imbeccata dall’Arpal, ha diramato un secondo avviso di allerta meteo, ancora di livello 1, fra le 18 di lunedì e il mezzogiorno di martedì. Ma i danni grossi erano già stati fatti. Allagamenti di strade e piazze, sottopassaggi e scantinati finiti sott’acqua a causa delle caditoie intasate dalle foglie degli alberi. Mentre nell’estremo levante della regione si contavano i danni provocati nelle giornata di lunedì dalla pioggia battente (127 mm caduti a Framura e addirittura 191 a Levanto) si innescavano le consuete polemiche. Gli esperti segnalavano che il quadro meteorologico registrato aveva riprodotto, fortunatamente per un periodo di tempo limitato, l’identico schema che aveva provocato i disastri più gravi. Correnti calde esalate dal mare molto all’incontro con venti più freschi provenienti da Nord e da Sud Est (Tramontana e Scirocco) avevano scatenato cellule temporalesche molto vigorose. Facendo gli scongiuri, cosa accadrà se l’identica situazione dovesse ripetersi in termini più violenti e prolungati nel periodo autunnale?

Il governatore Giovanni Toti ha provato a smorzare i toni e a Il Lavoro – Repubblica ha dichiarato: “Sono abbastanza soddisfatto di come ha risposto il sistema regionale. Non era facile intervenire in una situazione di piena stagione estiva e balneare. Ha funzionato tutto bene, senza allarmismi inutili, senza facilonerie e senza sottovalutazione dei rischi”. Le centinaia di telefonate allarmate giunte ai Vigili del fuoco, ai centralini di giornali e tv private raccontano una storia diversa. Col leit motiv di tutte le emergenze maltempo: “I tombini non vengono ripuliti, le strade sono abbandonate e non vengono effettuati gli interventi necessari di manutenzione. Così rischiamo l’ennesimo disastro”.

Dal quartiere della Foce erano già giunte le proteste dei residenti che lamentavano il disinteresse dei pubblici poteri e avevano ripulito da sé le caditoie intasate. L’assessore genovese, Gianni Crivello, ha ricordato che erano stati stanziati 800mila euro per la manutenzione straordinaria delle caditoie (ce ne sono 77mila a Genova) e che i lavori sono stati programmati in accordo con i vari Municipi a seconda delle necessità. L’Amiu impiega 21 addetti e 17 automezzi per effettuare questi interventi che dovrebbero anticipare gli eventi, non inseguirli. I torrenti e i rivi che attraversano la città sono spesso ingombri di vegetazione e di detriti. L’autunno è alle porte ed è urgente intervenire.

La Regione, con l’assessore alla Protezione Civile, Giacomo Giampedrone, ha annunciato una rivoluzione nel sistema di allarme-meteorologico. Sarà l’Arpal a decidere se e quando diramare l’allerta meteo e non più la Protezione Civile regionale, come è avvenuto finora. Formalmente gli avvisi saranno firmati dal funzionario della Protezione Civile, ma la decisione “politica” sarà dell’Arpal che stabilità anche il livello dell’allerta. L’obiettivo è semplificare e accelerare le procedure ed evitare il problema verificatosi durante l’ultima alluvione, con il rimpallo delle responsabilità fra un ufficio e l’altro. E la conseguente inchiesta della magistratura che vede indagate per disastro e omicidio colposi l’allora assessore alla protezione civile, Raffaella Paita e la direttrice del Dipartimento Ambiente della regione, Gabriella Minervini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crotone, mancano i soldi per riparare le strade: limite di velocità a 30 all’ora

next
Articolo Successivo

A1 chiusa e treni sospesi per disinnesco ordigno in Umbria: Italia divisa in due

next