Il ministro degli Esteri britannico Philip Hammond ha dichiarato riaperta l’ambasciata in Iran issando la bandiera del Regno Unito, la Union Jack, nel giardino della residenza ottocentesca della sede di rappresentanza a Teheran. “Le nostre relazioni sono migliorate dal 2011”, afferma Hammond, aggiungendo che contemporaneamente l’Iran riaprirà la sua ambasciata a Londra. “La riapertura delle nostre ambasciate è un passo fondamentale per migliorare le relazioni bilaterali – prosegue il ministro degli Esteri britannico – Prima di tutto si vuole garantire che l’accordo nucleare sia un successo, anche incoraggiando commercio e investimenti tolte le sanzioni”.

La chiusura dell’ambasciata inglese in terra iraniana era avvenuta quattro anni fa, per le violente manifestazioni studentesche seguite alle pesanti sanzioni imposte all’Iran riguardanti il Programma nucleare del Paese. Appena giunto  Teheran, il ministro degli Esteri britannico in un tweet ha scritto: “Arrivato a Teheran. Prima visita di un ministro dal 2003. Momento storico per le relazioni tra Iran” e Gran Bretagna. “Gran Bretagna e Iran dovrebbero anche essere pronti a discutere le sfide che entrambi affrontiamo, come il terrorismo, la stabilità regionale, la diffusione dell’Isis in Siria e in Iraq, la lotta al narcotraffico e l’immigrazione”, conclude Hammond.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francia, torna l’incubo terrorismo? Tre riflessioni sulla sicurezza in Europa

prev
Articolo Successivo

Svizzera, scontro tra due aerei durante airshow: almeno un morto

next