Fondazione Autismo675Carissimi lettori,

Sono felice di informarvi che la convenzione tra la regione Friuli Venezia Giulia e la Fondazione Bambini e Autismo Onlus non è stata firmata lunedì 17 agosto ma ieri sera dopo aver espresso da entrambe le parti le loro criticità.

“L’accordo prevede un impegno di spesa per l’anno 2015 pari a 870.000 euro a carico della Regione per prestazioni che la Fondazione ha già erogato e continuerà ad erogare fino al 31 Dicembre.”

Tale cifra comprende: 11.900 ore di attività ambulatoriale, 1.800 giornate di semiresidenzialità e 1000 di residenzialità. La convezione firmata scadrà comunque il 31 Dicembre 2015.

Spero che la vicenda non si ripeta nel 2016 quando la convenzione dovrà essere rinnovata perché le persone che usufruiscono dei servizi della Fondazione e le loro famiglie non debbano subire i disagi dovuti all’interruzione dei suddetti.

Mi auguro che questa storia serva a far capire alle Istituzioni e a chi fa politica che devono mettersi al servizio dei cittadini e non come troppo volte succede al servizio del “potere”.

Qui il comunicato integrale della Fondazione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Immigrazione: solo il ‘buonismo’ potrà salvarci

prev
Articolo Successivo

Onu: l’ignoranza del passato coloniale tra le cause del razzismo in Italia (II parte)

next