Centinaia di mezzi sparsi in tutta Roma, si moltiplicano come i funghi, dal lungomare di Ostia al quartiere San Lorenzo, dalla Tiburtina al Villaggio Olimpico. Sono i camper e le roulotte dei nuovi poveri. Una fotografia impietosa. Sono uomini soli, divorziati, ma anche famiglie, giovani coppie e pensionati. Persone piombate nel disagio di una povertà inaspettata: “Non mi preoccupo di somigliare a un rom, tanto in realtà i veri stranieri in Italia siamo noi – racconta Carlo -. Io ho un partita Iva, faccio l’elettricista, pago le tasse e mi rimane ben poco, la mia compagna lavora in un’erboristeria, ho una famiglia da campare, non ci possiamo permettere mille euro al mese d’affitto”. Un divorzio doloroso alle spalle, una malattia imprevista, un guadagno così misero da non poter garantire un tetto sulla testa nemmeno in periferia.

E’ bastato davvero poco per farli finire sul lastrico. “Agli stranieri, agli zingari, l’Europa dà i soldi, per noi invece non c’è niente, c’è povertà di serie A e di serie B, siamo trattati come immondizia” è invece il racconto di Michele, che vive da cinque anni in una roulotte vicino al cimitero del Verano. Per l’Istat in Italia i poveri sono 4 milioni. Per Alberto Farneti della Caritas di Roma è l’aspetto qualitativo del dato che andrebbe analizzato. “Su 11 mila persone che usufruiscono dei nostri servizi il 50% sono nostri connazionali, non era così qualche anno fa, un dato in crescita, la povertà ha colpito il ceto medio-basso, ci sono anche insegnanti e impiegati che se non si recano alle mense si rivolgono agli empori della Caritas, poi il dato di chi vive in roulotte, tutto questo ci mostra la drammaticità di un fenomeno molto preoccupante”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabilità, “in sciopero della fame da 7 giorni contro tagli fondi per la non autosufficienza”

prev
Articolo Successivo

Migranti, costruiamo canali umanitari

next