Una settimana fa 18 migranti richiedenti asilo sono stati espulsi dal centro di prima accoglienza di Terzigno in provincia di Napoli. Alla base dell’espulsione secondo la Prefettura ci sarebbe un’aggressione subita dal direttore della struttura dopo una lite sul cibo. Dal centro, a microfoni spenti, confermano al nostro giornale quanto riportato dalle autorità sull’aggressione al funzionario. Secondo l’associazione 3 febbraio che sta seguendo il caso, i migranti sarebbero invece stati espulsi perché pochi giorni prima avevano filmato con i cellulari le condizioni all’interno del centro e diffuso i video. Intanto i migranti per una settimana sono stati ospitati nella chiesa valdese del quartiere Vomero che però non può più tenerli. Nel week end si sposteranno nuovamente in un’altra chiesa nel quartiere Ponticelli, ma potranno restare solo fino a lunedì, dopodiché rischiano di finire per strada. In seguito ad una memoria presentata dall’associazione a difesa dei migranti la Prefettura di Napoli ha comunicato di poter rivedere il provvedimento di espulsione, ma la decisione non arriverà prima di lunedì. Intanto senza un domicilio rischiano di perdere il permesso di soggiorno, anche se la Prefettura partenopea ha precisato che l’inclusione nel programma di accoglienza non inciderà sull’eventuale status di rifugiati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Omofobia: l’aggressione di Genova riguarda l’umanità, il diritto e la giustizia di tutta la società

prev
Articolo Successivo

Disabilità, “Risorse incerte, i miei figli ipovedenti inizieranno l’anno scolastico?”

next