I precetti dell’Islam anche in crociera: a bordo non sarà possibile consumare salumi e alcolici e scegliere il gioco d’azzardo. Rigorosa anche la divisione tra uomini e donne, che avranno centri benessere, sportivi e bagni turchi separati. Fusion Tour, compagnia turca di Antakya ha presentato la prima crociera halal, ovvero rispettosa delle regole della religione islamica. La partenza è prevista il 27 settembre dal porto della provincia di Izmir, nella Turchia occidentale. La meta sono le isole greche di Rodi e Creta, passando anche per il porto del Pireo.

Il turismo halal è un settore in forte crescita nel Paese di Erdogan, e negli ultimi 15 anni è aumentato il numero di hotel e agenzie turistiche che offrono pacchetti e soluzioni di viaggio in linea coi principi coranici. “Sarà un tour storico e culturale che promette un’atmosfera di scambi sociali”, ha detto il general manager di Fusion Tour, Kemal Gunay. Gli organizzatori hanno pensato a tutto: “Non lasceremo nemmeno un disegno sui muri della nave che sia contro i valori islamici”, ha aggiunto Gokmen Aydinalp, il tour project manager.

L’obiettivo della compagnia è quello di attirare clienti tra gli oltre due miliardi di islamici al mondo e di offrire loro vari pacchetti turistici che includono il Mar Adriatico, l’Italia, Malta, Budapest, Belgrado e Vienna.

Il Global Muslim Travel Index 2015, diffuso da Mastercard, ha stimato il valore del turismo islamico in 145 miliardi di dollari nel 2014, con la previsione di sfiorare i 200 nel 2020. In Turchia sono circa 50 gli hotel che offrono servizi halal e secondo l’Associazione degli hotel turistici del Mediterraneo sono presenti principalmente nelle province di Istanbul, AnkaraAntalya, Izmir, Aydin e Mugla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, simbolo di un’Italia piena di contraddizioni

next
Articolo Successivo

Federalberghi: “Aumentano gli italiani in vacanza”. La prima regola? Risparmiare

next