Le Fs Italiane hanno allestito all’Expo di Milano, nel padiglione 112, la mostra ‘Moveat, le vie del cibo dalla Roma Antica all’Europa moderna’. Un’inedita commistione di costume e storia dei cibi, ma anche storia dell’evoluzione dei mezzi di trasporto usati per trasportare quei cibi. Promossa da Ferrovie dello Stato e allestita da Andrea Schiavo e dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’area archeologica di Roma, è un vero percorso interattivo che, attraverso mappe parlanti, filmati e ricostruzioni tridimensionali, risponde alla curiosità su cosa mangiavano i nostri antenati (con tanto di degustazione delle ricette dell’epoca), ma soprattutto attraverso quali vie e in che modalità quei cibi arrivavano sulle loro tavole. Dalle navi lungo le rotte del Mediterraneo, ai treni che nel primo ‘900 erano in grado di connettere in tempi brevi luoghi di produzione e consumo anche distanti migliaia di km tra loro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disoccupazione giovanile, Renzi: “Pronto piano per posti nel settore cultura”

next
Articolo Successivo

Expo 2015: può una Procura fare le inchieste con ‘sensibilità istituzionale’?

next