Candidato al Nobel per la Letteratura nel 2015 e prossimo premio Campiello alla carriera, lo scrittore Sebastiano Vassalli si è spento la notte scorsa all’età di 73 anni per una malattia fulminante e incurabile, tenuta riservata. Era stato ricoverato all’hospice “Monsignor Zacchero” di Casale Monferrato dopo l’aggravarsi delle sue condizioni. La notizia è stata riverita da Roberto Cicala, presidente del Centro Novarese di Studi Letterari di cui lo scrittore era socio onorario. Vincitore dei maggiori premi letterari italiani, tra cui lo Strega e il Campiello, ha scritto per i più importanti quotidiani italiani. Vassalli era celebre nel mondo per il romanzo ‘La chimera‘, ambientato nella pianura novarese, dove ha vissuto fin dai primi anni di età.

I funerali saranno celebrati mercoledì 29 luglio. “Secondo la volontà dello scrittore – spiega il sindaco di Novara Andrea Ballarè – saranno funerali laici, molto sobri ma con un alto contenuto civico. Allestiremo la camera ardente nella stessa giornata di mercoledì, dalle 10 alle 17, nella Sala Genocchio, a Palazzo Vochieri, sede della Biblioteca Negroni, luogo a cui Vassalli era molto legato. Il funerale si terrà invece nel cortile del Broletto con inizio alle 17,30″

Nato il 24 ottobre 1941 a Genova, da madre toscana e padre lombardo, ma fin da bambino Sebastiano Vassalli ha vissuto a Novara. Laureatosi in Lettere all’Università di Milano con Cesare Musatti sui rapporti fra arte contemporanea e psicanalisi, tra gli anni Sessanta e Settanta si è dedicato all’insegnamento coltivando, in parallelo, un’intensa attività artistico letteraria e partecipando, anche come pittore e fondando riviste quali “Ant. End” e “Pianura”, alle vicende della cosiddetta neoavanguardia nell’ambito del Gruppo ’63. Sono di questo periodo alcune prose sperimentali come “Narcisso”, uscito nel 1968 da Einaudi, cui seguono “Tempo di massacro” e “L’arrivo della lozione” (Calypso), e plaquette poetiche quali “Il millennio che muore” (Einaudi 1972).

E’ dedicato invece al Settecento “Marco e Mattio”, uscito da Einaudi nel 1992, e all’Ottocento e agli inizi del Novecento “Il Cigno” (Einaudi, 1993) prima e, dopo la parentesi quasi fantascientifica e satirica di “3012: cuore di pietra” (Einaudi, 1996), un’epopea della storia democratica dell’unità d’Italia che ruota intorno a una grande casa di Novara. Nel 1998 è uscito “Gli italiani sono gli altri”, (Baldini e Castoldi), una raccolta di articoli polemici scritti per varie testate giornalistiche, e il romanzo “La notte del lupo” (Baldini e Castoldi), protagonista Yoshua, un Gesù privato di ogni aspetto divino e soprannaturale. Con “Stella avvelenata”, pubblicato da Einaudi nel 2003, Vassalli è tornato alle grandi storie raccontando di un giovane chierico di Casale Monferrato che, nel 1441, intraprende un viaggio verso Parigi. Nel 2005 ha pubblicato “Amore lontano” (Einaudi) e “Terra d’acque. Novara, la pianura, il riso” (Interlinea), dove racconta se stesso e i luoghi dove ha trascorso gran parte della sua vita e dove ha ambientato molti dei suoi romanzi.

Negli ultimi anni Vassalli si è avvicinato al presente, riscoprendo anche il genere del racconto con “La morte di Marx e altri racconti”, (Einaudi, 2006), mentre nel 2007 ha pubblicato per Einaudi “L’italiano”, dodici storie esemplificative del carattere degli italiani, della loro debolezza e meschinità. Nel 2008 sono usciti “Dio, il diavolo e la mosca nel grande caldo dei prossimi mille anni” (Einaudi) e “Natale a Marradi. L’ultimo Natale di Dino Campana” (Interlinea). E proprio con la casa editrice Interlinea di Novara, diretta da Roberto Cicala, Vassalli aveva affidato negli ultimi 15 anni diversi scritti.  I libri più recenti Vassalli li ha pubblicati con Rizzoli: “Terre selvagge” (2014), un viaggio nel tempo, in un’Italia ancora misteriosa, al tempo dell’antica Roma, e “Il confine. I cento anni del Sudtirolo in Italia (2015). E’ stato commentatore e opinionista per diversi giornali, tra cui “La Repubblica”, “Il Corriere della Sera” e “La Stampa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bavaglio su registrazioni nascoste, Pietro Campagna: “Con questa norma non avrei trovato i killer di mia sorella”

next
Articolo Successivo

Pinguini rinchiusi in frigorifero e pellicani maltrattati, sequestro al circo Colber

next