Contro l’ultima edizione della “legge bavaglio” il fattoquotidiano.it ha preso posizione. Questa legge non deve passare perché rappresenta un ulteriore attacco alla libertà di informazione, in particolare con l’emendamento Pagano che, nell’ambito di una generale stretta sulle intercettazioni, prevede pene elevate per chi diffonde le conversazioni registrate di nascosto, anche se di pubblico interesse. Su quell’emendamento sono poi emerse perplessità anche nel Pd, che pure l’ha votato in commissione. Promettono modifiche, ma occorre vigilare. Ecco perché abbiamo realizzato questo video nel quale una serie di cittadini testimonia il proprio dissenso. Condividetelo! a cura di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le riforme fantasma del signor Renzi

next
Articolo Successivo

Intercettazioni, Boldrini: “Lo spirito non è da legge bavaglio, si arriverà a un testo equilibrato”

next