Sono arrivati da tutta Italia per salutare Carlo Giuliani, nel quattordicesimo anniversario della sua morte, avvenuta il 20 luglio 2001, in piazza Alimonda, per mano del poliziotto Mario Placanica, durante il G8 di Genova. Dal palco il padre Giuliano ha evocato i famosi sette secondi prima dello sparo. Dopodiché la folla si è sciolta in un lungo applauso, intonando le note di Bella Ciao. Tra il pubblico, anche Vittorio Agnoletto e Mark Covell, una delle vittime della notte alla scuola Diaz e cittadino onorario di Genova. Ma la giornata è stata accompagnata dalla polemiche tra il Comitato Carlo Giuliani e il Coisp, il sindacato di Polizia che ha dato vita in tutta Italia a una raccolta firme per eliminare il cippo che ricorda il ragazzo in piazza Alimonda. “Se Giuliani non fosse morto per mano di Mario Placanica, oggi sarebbe in carcere per omicidio ai danni di una forza dell’ordine”, attacca Matteo Bianchi, segretario regionale ligure del Coisp. Dura la replica del padre, a margine dell’evento. “Lo chiamano monumento. Ma quello non è un monumento, è solo una dimostrazione dell’imbecillità di certa gente” di Lorenzo Tosa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, “Marino si scusi per quell’insulto o lo querelo. Trattati come scarti umani”

prev
Articolo Successivo

Ismaele Lulli, il corpo del 17enne in un dirupo: aveva la gola tagliata

next