Francesco Reda, secondo ai campionati italiani di ciclismo su strada nello scorso giugno (vinti da Vincenzo Nibali), è stato trovato positivo al doping. A comunicare l’esito degli esami eseguiti dal Laboratorio di Roma è stato il Coni in una nota. Gli esami sono stati effettuati subito dopo la gara di Torino del 27 giugno. Secondo quanto riferito dal Comitato olimpico, nel campione analizzato è stata rilevata la presenza della cosiddetta “Nesp”, che favorisce una maggiore resistenza. Il tribunale nazionale antidoping ha disposto l’immediata sospensione del ciclista 33enne, accogliendo l’istanza pervenuta dalla Procura federale. La sospensione è già stata comunicata alla stessa Procura, alla Wada (l’agenzia mondiale antidoping), all’Uci (federazione internazionale di ciclismo), alla Fci (la Federciclismo italiana) e alla società di appartenenza, la Team Idea.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chris Froome: vittorie, record, veleni e sospetti. E quel video ‘disumano’ rubato e poi cancellato dal web

next
Articolo Successivo

Tour de France, sui Pirenei vince Majka. Froome controlla, Nibali perde ancora

next