I jihadisti dello Stato islamico hanno decapitato – per la prima volta dall’autoproclamazione del Califfato, un anno fa – due donne in Siria. Ciò che sorprende gli esperti, oltre al metodo inusuale e con pochissimi precedenti nella cultura musulmana, è l’accusa rivolta alle due donne della provincia di Deir Ezzor: stregoneria. La notizia è riportata su alcuni portali line in lingua araba, che citano come fonte attivisti locali siriani. La denuncia arriva anche dagli attivisti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, con sede a Londra.

“Siamo di fronte all’ennesima dimostrazione di ignoranza da parte dei miliziani dello Stato Islamico – commenta Francesca Maria Corrao, esperta di cultura araba e docente di Studi Mediterranei all’Università Luiss “Guido Carli” di Roma – Non esiste nella storia dell’Islam, a differenza di quella cristiana, la caccia alle streghe. Non è mai esistito il reato di stregoneria. I terroristi, molti dei quali hanno studiato o vissuto in Occidente e hanno una scarsa conoscenza religiosa e giuridica, sanno però che in noi questo termine rievoca anni di paura e persecuzioni. Aumentando la carica emotiva con la decapitazione, lo usano così in maniera strumentale per terrorizzarci”. Inoltre, conclude, “non esiste nella legge islamica e nella giurisprudenza un vero e proprio divieto di decapitare le donne, ma questa pratica è sempre stata evitata”.

“Ѐ la prima volta che l’Osservatorio ha documentato un episodio di donne che vengono uccise dal gruppo in questo modo – racconta il direttore dell’Osservatorio, Rami Abdel Rahman – Il modus operandi dello Stato Islamico è, anche in questo caso, particolare – commenta Bruna Graziosi Soravia, docente di Istituzioni e storia dei paesi islamici all’Università Luiss “Guido Carli” di Roma – Molte azioni di Isis sono spesso non giustificate dalla religione o dalla giurisprudenza islamica, ma la decapitazione delle donne viene evitata anche da molti altri gruppi radicali. Ricordo, ad esempio, il caso di una principessa saudita accusata di adulterio: mentre l’amante venne decapitato, la donna fu lapidata. Anche in casi estremi come questo, quindi, il taglio della testa della donna è stato evitato ”.

Un altro passo avanti, un nuovo superamento dei limiti toccati dalla violenza dei miliziani dello Stato Islamico che, dopo le decapitazioni, i prigionieri arsi vivi o annegati, cerca di proporre una nuova e ancora più macabra visione di sé e della propria “giustizia”.

Secondo quanto riporta il gruppo di attivisti con sede a Londra, le esecuzioni delle due donne e dei rispettivi mariti sarebbero avvenute nelle città di Deir Ezzor e di al-Maydin, nella Siria settentrionale. Alle persone che hanno assistito all’ennesima uccisione di civili da parte degli uomini di Abu Bakr al-Baghdadi in Siria, oltre tremila i morti in un anno secondo l’Osservatorio, i jihadisti hanno spiegato che l’accusa nei confronti dei condannati a morte era quella di “compiere atti di stregoneria e magia a uso medico”.

“Accuse infondate e, sicuramente, contrarie alla tradizione e alla giurisprudenza islamica – conclude Corrao – Questo episodio dimostra per l’ennesima volta che agli uomini del califfato non interessa far rispettare la legge islamica, anche la più radicale, ma soltanto provocare terrore nei confronti dell’Occidente” e degli Stati che intendono conquistare.

Twitter: @GianniRosini

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, via libera al midazolam per iniezioni letali: “Manca prova che causi dolore”

next
Articolo Successivo

Indonesia, aereo militare C-130 cade su abitazioni a Sumatra: almeno 113 morti (FOTO)

next