Solo il 16% degli italiani è favorevole all’accoglienza dei rifugiati. Per il 25%, inoltre, l’immigrazione è la minaccia più grave per il Paese e secondo il 38% degli intervistati, può essere connessa al terrorismo. E’ quanto emerge da un sondaggio realizzato da Ipsos per Rai News-Ispi e riportato da il Corriere della Sera.  Quasi tre intervistati su dieci, inoltre, pensano che, nonostante non ci sia rischio di infiltrazione terroristica, l’immigrazione sia un problema da non sottovalutare, mentre per il 28% è un fenomeno inevitabile e come tale va gestita. Solo il 25% infine, ritiene che sia una risorsa per l’Italia.

Dalla rilevazione risulta anche che il 40% è favorevole alle ipotesi di respingimenti e all’adozione di misure di tipo militare per contrastare l’immigrazione illegale. E il 39% vorrebbe piuttosto trattenere e identificare gli immigrati nei Paesi di partenza. Quando però si tratta di esprimere un’opinione sulle scelte dell’Ungheria, i pareri sono diversi. Il 57% ritiene sbagliata l’idea di costruire un muro al confine con la Serbia. 

E oltre alle posizioni sull’immigrazione, dal sondaggio emerge che il 74% degli intervistati esprime giudizi negativi sulla politica italiana, mentre il 66% non ha una buona opinione dell’operato del governo Renzi in Europa. Per il 32% il premier non è capace di dettare una linea comune e il 34% addirittura che non tuteli l’interesse nazionale. Soltanto il 25% riconosce al presidente del Consiglio italiano il merito di aver sollevato la questione in sede europea. Quindi, mentre sette mesi fa era la crisi economica a costituire la principale preoccupazione degli italiani, oggi è l’immigrazione a far sempre più paura. E a pesare è anche il terrorismo islamico, che spaventa il 21% degli intervistati.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Capotreno aggredito a Monza dopo aver chiesto il biglietto, fermati 3 ragazzi

next
Articolo Successivo

Sciopero mezzi pubblici a Roma: chiusa Metro A, la B funziona a corse ridotte

next