Martedì 30 giugno i traghetti passeggeri rimarranno fermi nei porti della Grecia per via di uno sciopero. In questo modo decine di migliaia di vacanzieri non potranno raggiungere le isole. L’agitazione, indetta dal sindacato dei marittimi addetti ai ferry-boat (Pno), durerà 24 ore ed è stata dichiarata in segno di protesta contro alcune compagnie marittime che da mesi non pagano gli stipendi al personale. Hanno così violato il contratto di lavoro, tagliando, oltretutto, anche i contributi della previdenza sociale per ridurre i costi di gestione. Gli scioperanti protestano anche contro l’aumento della disoccupazione che, sostengono, ha superato il 50%. Per le stesse rivendicazioni gli aderenti al Pno avevano effettuato uno sciopero lo scorso primo maggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Welfare, Censis: “Risorse Fondo politiche sociali calate dell’81% in 7 anni”

next
Articolo Successivo

Pensioni, Istat: “Al Sud assistenziale una su 4. Gli uomini ricevono il 60% in più”

next